Quali sono i migliori paesi al mondo in termini di salvaguardia della salute pubblica e dell’economia durante la “sindemia” Covid-19?

Da questo grafico pubblicato nel sito “Our World in Data” (utilizzato in corsi universitari a Harvard, Oxford, Stanford, Berkeley e Cambridge) il mondo dovrebbe andare a prendere lezioni da paesi come Taiwan e Corea del Sud. I migliori paesi al mondo nella gestione del coronavirus hanno adottato la strategia delle 4T (testing, tracing, treating, timely) evitando non solo morti in eccesso, ma anche costosi e prolungati lockdown – anche se, come spiega l’Fmi (ed evidenziato dal caso Svezia), la contrazione del’economia avviene anche senza lockdown proprio perché molte attività economiche subiscono l’effetto delle scelte volontarie della popolazione.

I paesi che, a differenza di Taiwan e Sud Corea, non hanno adottato la strategia 4T, sono stati costretti ad adottare lockdown “fuori tempo massimo” (la quarta T) pagando un prezzo molto caro sia a livello di salute che di economia. In Italia, l’idea di un modello efficace 4T non è mai stata completamente metabolizzata e il piano tamponi di Andrea Crisanti è stato ignorato. Perché?

Forse perché nel comitato tecnico scientifico non esiste nessun vero esperto in health policies e public health? Forse perché le università e le istituzioni governative (e non) afferenti alla salute (dominate da clinici) non hanno mai davvero voluto creare delle figure professionali trans-disciplinari che studiano e intervengono sulla salute da un punto di vista preventivo considerando i determinanti sociali, economici, ambientali, psicologici e politici della salute?

Molti editoriali hanno espresso parole di ammirazione verso “il modello italiano” nella gestione Covid-19, ma l’evidenza (numero di morti per milione e Pil perso a causa Covid-19) parla più chiaro delle opinioni giornalistiche: per imparare a contenere il virus in modo efficace, il ricco mondo occidentale dovrebbe guardare a Est.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili