Hanno organizzato una festa “privata”, durante l’orario di servizio, senza mascherine né distanziamento. Succede a Bari, all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII, dove 12 medici e 8 infermieri sono stati tutti identificati tramite le foto e i video che loro stessi hanno postato sui social. Il Policlinico ha comunicato di aver avviato un procedimento disciplinare nei loro confronti.

La direzione sanitaria – fa sapere l’ospedale – ha acquisito la documentazione fotografica diffusa sui social network dai dipendenti e ha identificato i partecipanti. Attraverso le foto, la direzione ha anche potuto verificare “l’evidente mancato rispetto” delle regole di distanziamento, dell’utilizzo della mascherina e di tutte le procedure di prevenzione e controllo dell’infezione da Covid-19, mettendo così ” repentaglio la sicurezza degli operatori e la continuità delle cure”.

L’ospedale ha anche richiesto al responsabile dell’unità operativa una relazione istruttoria per verificare se, inoltre, “possa essersi verificata una interruzione di pubblico servizio o altra condotta penalmente rilevante che darebbe luogo a una responsabilità di natura penale, oltre che disciplinare“. La direzione aziendale ha annunciato che trasmetterà gli atti all’autorità giudiziaria per l’accertamento delle responsabilità.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte vede per tre ore ministri e capidelegazione. Riunione urgente tra Cts e Speranza: “Valutiamo nuove misure”

next
Articolo Successivo

Padre Gigi Maccalli, il fratello: “È stato legato per mesi a una catena dai terroristi. Ad aprile si è capito che poteva esserci una svolta”

next