Hanno organizzato una festa “privata”, durante l’orario di servizio, senza mascherine né distanziamento. Succede a Bari, all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII, dove 12 medici e 8 infermieri sono stati tutti identificati tramite le foto e i video che loro stessi hanno postato sui social. Il Policlinico ha comunicato di aver avviato un procedimento disciplinare nei loro confronti.

La direzione sanitaria – fa sapere l’ospedale – ha acquisito la documentazione fotografica diffusa sui social network dai dipendenti e ha identificato i partecipanti. Attraverso le foto, la direzione ha anche potuto verificare “l’evidente mancato rispetto” delle regole di distanziamento, dell’utilizzo della mascherina e di tutte le procedure di prevenzione e controllo dell’infezione da Covid-19, mettendo così ” repentaglio la sicurezza degli operatori e la continuità delle cure”.

L’ospedale ha anche richiesto al responsabile dell’unità operativa una relazione istruttoria per verificare se, inoltre, “possa essersi verificata una interruzione di pubblico servizio o altra condotta penalmente rilevante che darebbe luogo a una responsabilità di natura penale, oltre che disciplinare“. La direzione aziendale ha annunciato che trasmetterà gli atti all’autorità giudiziaria per l’accertamento delle responsabilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte vede per tre ore ministri e capidelegazione. Riunione urgente tra Cts e Speranza: “Valutiamo nuove misure”

next
Articolo Successivo

Padre Gigi Maccalli, il fratello: “È stato legato per mesi a una catena dai terroristi. Ad aprile si è capito che poteva esserci una svolta”

next