Juve-Napoli? Il Napoli non aveva alternative. La Asl Napoli 2 ha imposto alla squadra di non partire, con delle prescrizioni forti e paventando anche responsabilità di natura penale. Poi è chiaro che ci sono le dietrologie: se questa è stata una decisione autonoma dell’Asl, lo lascio al ragionamento, all’intuizione e alla sagacia di molti“. Sono le parole del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenuto a “Omnibus”, su La7.

E rincara: “La verità è che c’è una confusione totale, dalla presenza dei tifosi allo stadio alla gestione delle partite. Io mi chiederei, da italiano e da sindaco, cosa è stato fatto in questi mesi per evitare che l’emergenza possa diventare qualcosa di cui ci si abitua e ci si approfitta, comprimendo altri diritti e consentendo di proseguire senza dare poi delle risposte. Il tema del calcio è qualcosa che ha a che fare con l’approssimazione con la quale sono stati affrontati alcuni temi e con le corsie preferenziali che per ragioni economiche hanno alcuni settori, come il calcio – prosegue – Non si è compreso perché per i giocatori siano state previste regole diverse, cioè che non si va in quarantena se una persona sta a contatto diretto con un positivo, e qui si arriva all’origine di ciò che ha anticipato Juventus-Napoli, che è la partita Napoli-Genoa. Se si fossero applicate le regole che valgono per tutti i cittadini, non saremmo arrivati a questo”.

“Trovo anche sgradevole che si assegnino partite a tavolino – conclude de Magistris – Ormai di calcio c’è molto poco. Io non riesco nemmeno a guardare più le partite senza tifosi. Scusate, ma perché su uno stadio che può contenere 60mila spettatori si deve mettere il limite di 1000, quando con 20mila si potrebbe arrivare a un distanziamento di 3 metri e scaglionare le presenze allo stadio e poi, allo stesso tempo, nelle strade di ogni città ci sono migliaia di persone che stanno tutte quante insieme?”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mezzi pubblici pieni, Crisanti: “Non bisogna ammassarsi, ma indossare la mascherina indubbiamente protegge”. L’intervento a La7

next
Articolo Successivo

Juve-Napoli, Galli su La7: “E’ la morte dello sport. Non si può entrare in trattative sulla decisione di un’autorità superiore come l’Asl”

next