Prime settimane di lezioni con disagi, e spesso con assembramenti, per studenti e pendolari a bordo dei mezzi. Il sistema trasporti, in queste prime settimane, ha tenuto a fatica, grazie all’avvio a rilento e scaglionato delle scuole e agli orari ridotti. Grazie anche alle famiglie che hanno preferito accompagnare i figli a scuola in automobile e allo smart working.

Disagi a macchia di leopardo in tutta Italia, dove i passeggeri restano anche a piedi per rispettare i limiti di carico dell’80% dei posti sugli autobus quando il distanziamento a bordo viene fatto rispettare. La prova del nove ci sarà al giro di boa della seconda settimana di lezioni, quando gli orari e i turni degli istituti, le corse di treni e autobus urbani e extraurbani saranno a regime.

Gli istituti, per garantire il distanziamento e lo svolgersi delle lezioni nella massima sicurezza, hanno suddiviso le attività in tre fasce. A rotazione, due terzi degli studenti faranno lezione in presenza, scaglionati in due turni d’ingresso e di uscita dalla scuola, mentre l’altro terzo farà lezione a distanza. Se la scuola ha fatto i suoi passi, riducendo sensibilmente la concentrazione di studenti come negli anni passati (tutti dentro e fuori alla stessa ora), ora tocca alle aziende di trasporto essere più flessibili.

Solo di recente si è chiarita la diatriba sul rimborso degli abbonamenti mensili inutilizzati durante i mesi di marzo, aprile e maggio. C’è voluto addirittura un decreto legge 34/2020, secondo cui “il rimborso viene erogato sotto forma di voucher da utilizzare per l’acquisto di un nuovo abbonamento analogo a quello precedente o di durata superiore intestato alla stessa persona”. Ma il sistema tariffario non è a totale competenza regionale e provinciale? Perché non adottare, vista l’emergenza e le incertezze, abbonamenti settimanali anche per gli studenti – oggi praticamente inesistenti – allargando il ventaglio del sistema tariffario e rendendolo più flessibile?

Che fine ha fatto il federalismo dei trasporti, almeno sotto il profilo tariffario? A cosa servono le agenzie della mobilità se esse si occupano solo di proroghe degli affidamenti diretti (è il caso di Atac e Atm, fino alle più piccole aziende comunali) e di chiedere soldi al governo? Durante questa lunga attesa, viste le incertezze future dell’evoluzione della pandemia, le famiglie hanno preferito evitare l’acquisto dei titoli di viaggio mensili e annuali. Idem per molti lavoratori pendolari che non possono continuare il telelavoro e, nell’incertezza, usano l’auto privata (meno rischi contagio in viaggio e nessun rischio recupero spese abbonamenti) per recarsi sul posto di lavoro.

Se in classe le misure di distanziamento e di prevenzione sono rigorose, il paradosso è appena fuori dalla scuola, quando sui mezzi di trasporto scatta il “liberi tutti” con autobus e treni sovraffollati. Le aziende di trasporto accusano i direttori scolastici di non rispettare le turnificazioni programmate dei flussi d’ingresso e delle uscite. I direttori scolastici, a loro volta, accusano le aziende di trasporto di non essere all’altezza delle nuove necessità.

E’ indispensabile il potenziamento delle corse negli orari di punta, utilizzando autobus e autisti anche di operatori privati per superare le difficoltà emerse in queste due settimane. Da una parte le aziende della mobilità si sono trovate impreparate e sempre per niente inclini ad alcun cambiamento organizzativo, dall’altra Regioni e Comuni sono stati spesso a guardare. Data la difficile fase, per rendere più elastici i turni andrebbero prese in esame alcune deroghe temporanee al contratto di lavoro sull’orario di lavoro.

Per scongiurare l’accentuarsi della congestione stradale a causa dell’accompagnamento dei figli a scuola e dei lavoratori che optano per l’auto, l’offerta di servizi pubblici deve migliorare. Questo è un obiettivo comune, a parole condiviso dalle famiglie, dalle imprese, dai lavoratori del settore e dalle Agenzia della mobilità, ma ogni giorno smentito nella realtà.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scienza, sbaglia chi non la ritiene importante: è cultura e ha una dignità. Nonostante gli Usa

next
Articolo Successivo

Coronavirus, è finito il tempo dell’ ‘Andrà tutto bene’. Ora possiamo scegliere come vivere

next