L’emergenza Covid e il relativo lockdown non hanno cambiato alcune certezze ben radicate nella mente degli italiani. Chi infatti si è trovato con un po’ di liquidità da parte sul conto corrente, ha scelto di investirla nel mattone. Di norma, si cerca di acquistare case per metterle a reddito, attratti dalla prospettiva di un buon rendimento medio annuo lordo, che per un bilocale sembra poter raggiungere anche il 5%. Dunque, questo settore rimane sinonimo di investimento sicuro e redditizio e si assiste quindi anche al suo rilancio, dopo la crisi economica che lo aveva colpito negli anni scorsi. È soprattutto negli ultimi cinque anni che la compravendita a questo scopo ha compiuto un notevole balzo in avanti, passando dal 18,5% al 25%. Uno scatto registrato da un’analisi dell’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa e ripresa dal blog di Immobiliare.it.

Ma quando si parla di mettere a reddito non ci si riferisce solo ai contratti di locazione di lunga durata. Ultimamente attraggono l’attenzione degli acquirenti anche gli affitti brevi, la cui esplosione si è resa sempre più evidente negli ultimi anni. Come si potrà immaginare, è una tendenza che si verifica soprattutto nelle città e nei luoghi dove ci si aspetta l’arrivo di un consistente numero di turisti. Un settore che sta però attraversando un periodo di arresto e pausa, nell’attesa di capire quanto questa epidemia abbia impattato sulla voglia e la possibilità di viaggiare. Anche perché vi sono alcune località dove il mercato è ormai saturo a causa dell’eccessiva offerta che non riesce a venire completamente coperta dalla domanda.

Proseguono invece le transazioni per le locazioni più tradizionali, ovvero quelle residenziali per studenti e lavoratori fuori sede. La pandemia non ha infatti frenato l’esigenza di chi deve trasferirsi per qualche anno in un’altra città e ha necessità di trovare una casa o una stanza dove dormire. Di questa situazione sembrano averne beneficiato soprattutto le zone centrali o città come Firenze e Milano che, a partire dal 1998, hanno visto il valore degli immobili addirittura raddoppiare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le regole per guadagnare con l’affitto di una casa vacanza

next
Articolo Successivo

La casa anti Covid-19

next