New York, Londra e adesso anche Roma e Milano: tra gli effetti collaterali del Covid-19 c’è il fenomeno delle città che si svuotano. Pochissimi turisti, lavoratori che approfittano dello smart-working per vivere in realtà meno care e più bucoliche e studenti universitari che, almeno per il momento, non si affannano per trovare un posto letto. Il risultato? L’offerta di stanze in affitto registra un’impennata che in alcuni casi arriva al +290%, come rivela un’analisi dell’Ufficio Studi di Immobiliare.it.

Da Nord a Sud è boom di camere disponibili

A livello nazionale la disponibilità di alloggi temporanei per studenti, quindi parliamo principalmente di camere singole o condivise, è più che raddoppiata (+149%) rispetto al 2019. Come spiega Carlo Giordano, ad di Immobiliare.it, “Studenti e lavoratori che sceglievano soluzioni abitative transitorie hanno preferito in molti casi abbandonare momentaneamente le città, in favore di spazi più ampi e di un risparmio sull’affitto”. Di conseguenza nei centri universitari l’offerta è aumentata a dismisura: oltre al record di Milano (+290%) spiccano per esempio i numeri di Bologna (+270%), Padova (+180%), Firenze (+175%), Torino (108%), Roma (+130%) e Napoli (+100%).

Dopo anni di rincari i prezzi si fermano

L’aumento dell’offerta si ripercuote chiaramente sui prezzi, ma almeno per il momento senza farli crollare. Il motivo, secondo Giordano, è che “il mercato immobiliare è più lento rispetto ad altri nell’assorbire il contraccolpo di avvenimenti esterni, come il Covid-19, ed è troppo presto per dire se ci sarà un impatto anche sul prezzo delle stanze in affitto”. Per ora sappiamo solo che, a differenza di quanto accaduto negli ultimi anni a questa parte, con l’avvicinarsi del nuovo anno accademico non si è rilevata nessuna impennata sui costi degli immobili per studenti, anzi: a Milano, che si conferma la città più cara, i prezzi delle singole sono praticamente gli stessi del 2019 (565 euro al mese), mentre i posti letto in doppia sono calati del 7% (345 euro); a Bologna e Palermo una singola costa addirittura il 9% in meno e a Siena il 12%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comprare casa, quali sono le possibilità per i giovani

next
Articolo Successivo

Bonus domotica: chi e come lo si può richiedere

next