Amazon Music, la piattaforma per l’ascolto di musica in streaming del colosso di Seattle, si arricchirà presto di oltre 70mila podcast, ossia i contenuti audio su temi vari, da ascoltare quando e dove si vuole. Tra i podcast ci saranno anche tantissimi nuovi spettacoli originali, come ad esempio quello di DJ Khaled, chiamato The First One, che propone interviste ai principali artisti musicali della scena mondiale, con curiosità e racconti inediti dietro i loro principali successi.

I podcast possono essere ascoltati tramite l’app Amazon Music aggiornata, sul web o sui dispositivi Amazon Echo. Questi ultimi in particolare cercheranno Amazon Music per impostazione predefinita e ricorderanno dove gli ascoltatori hanno interrotto l’ascolto del podcast, indipendentemente dalla piattaforma che usano per ascoltare.

“Siamo entusiasti di offrire ai clienti una comoda esperienza di ascolto dei podcast che si adatta al loro stile di vita”, ha dichiarato Kintan Brahmbhatt, direttore dei podcast per Amazon Music. “Mai prima d’ora ascoltare i podcast in viaggio, in macchina o a casa è stato così semplice. I nostri clienti potranno utilizzare le funzionalità vocali che conoscono e amano con la musica, per godere ora di un’esperienza di podcast superiore e scoprire una nuovissima selezione di contenuti preferiti”.

Con questa mossa il servizio di streaming musicale di Amazon, che vanta oltre 60 milioni di brani musicali in archivio, si allinea con l’offerta dei principali competitor, come ad esempio Spotify, che offrono da tempo i podcast nel proprio database. I podcast saranno disponibili gratuitamente, ma ricordiamo che Amazon Music è un servizio a pagamento: una sua versione “light”, Amazon Prime Music, con 2 milioni di brani, è compreso nel prezzo dell’abbonamento Prime assieme ad altri vantaggi, mentre per accedere all’intero database è necessario sottoscrivere un abbonamento a parte del costo di 9,99 euro mensili, sbloccando così l’opzione Unlimited. I podcast saranno disponibili inizialmente negli Stati Uniti e in altri mercati selezionati, ma il servizio sarà come sempre man mano allargato a tutti i mercati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple AirPods 2, auricolari wireless su Amazon con uno sconto del 28%

next
Articolo Successivo

Apple Watch SE, smartwatch economico dalle tante funzioni

next