Il porto di Ancona in fiamme. Un grosso incendio, partito intorno alle 00:35 da un capannone, si è sviluppato nell’area ex Tubimar, dove ci sono varie attività: il rogo ha distrutto camion e altri capannoni dove potrebbero trovarsi solventi, vernici e altri materiali potenzialmente tossici. Per questo il Comune ha disposto la chiusura di tutte le scuole, le università, i parchi e gli impianti sportivi: “Si raccomanda di tenere chiuse le finestre e di limitare gli spostamenti non necessari”. Nel corso della giornata la sindaca Valeria Mancinelli ha poi fatto sapere che gli istituti scolastici di ogni ordine e grado (nidi compresi) rimarranno chiusi anche domani, 17 settembre, a titolo precauzionale.

Le operazioni di spegnimento, stando alle informazioni diffuse dai pompieri, sono andate avanti per tutta la giornata. Le fiamme, che a quanto pare non hanno causato feriti né vittime, hanno anche provocato esplosioni nel capannone, avvertite distintamente anche da molto lontano, oltre a una colonna di fumo alta e densa che ora si sta abbassando e si spostando verso sud. Le cause del rogo sono in fase di accertamento da parte degli stessi vigili che saranno impegnati per molte ore nelle operazioni di spegnimento a causa di focolai ancora presenti nell’area.

“Abbiamo sentito diverse esplosioni, almeno tre, dall’una meno un quarto in poi. Poi il fuoco e le sirene dei mezzi di soccorso. Abbiamo pensato subito a quello che è successo a Beirut, è inevitabile”, racconta all’AdnKronos il dipendente di un hotel della zona del porto. “C’è molto fumo nero, il vento però non lo sta portando verso il centro della città, ma verso Sud, verso l’interno. Si sente un fortissimo odore che sembra di plastica bruciata“, conclude la dipendente. Sul luogo sono intervenuti anche mezzi delle forze dell’ordine, che hanno ‘cinturato’ l’area. Nella zona ci sono una ditta che produce azoto liquido, una centrale elettrica e un impianto di metano.

Dopo il vasto rogo Comune ha “chiuso in via precauzionale tutte le scuole di ogni ordine e grado, le università, i parchi e gli impianti sportivi all’aperto, in attesa delle analisi e delle indicazioni delle autorità sanitarie, dell’Arpam e degli esiti dei sopralluoghi dei Vigili del fuoco”. L’alta e densa colonna di fumo è visibile anche da diversi chilometri di distanza e si sente un odore acre in città. “Si raccomanda – ribadisce il Comune – di tenere chiuse le finestre e di limitare gli spostamenti non necessari”.

“Dai primi rilievi sembra non ci siano problemi di inquinamento“, scrive su Facebook la sindaca di Ancona, Valeria Mancinelli. “A titolo precauzionale l’amministrazione comunale ha deciso la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e delle sedi universitarie per la giornata odierna. Resteranno chiusi anche parchi e impianti sportivi. Cerchiamo di limitare gli spostamenti in attesa dei rilievi delle autorità sanitarie“, specifica comunque la prima cittadina, per poi annunciare nelle ore successive che le scuole saranno chiuse anche domani. “Dai primi rilievi sembra non ci siamo problemi di inquinamento ma abbiamo ritenuto opportuno essere prudenti in attesa degli esiti finali degli esami delle autorità preposte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ancona, gigantesco rogo al porto: fiamme e fumo visibili a chilometri di distanza. Chiuse scuole, università, parchi e impianti sportivi

next
Articolo Successivo

Palermo, l’ex mercato “dell’usato rubato” diventa legale: “Ogni venditore dovrà dichiarare la provenienza della merce”

next