Un enorme incendio è divampato nel porto di Ancona, nelle primissime ore del 16 settembre. A prendere fuoco, per cause ancora in corso di accertamento, un capannone dell’area ex Tubimar. Sul posto sono intervenute diverse squadre dei Vigili del fuoco da tutta la regione. Non sembrano esserci né vittime né feriti. Dalla zona dell’incendio si è sprigionata una densa colonna di fumo, il timore è che vi potessero essere stoccati dei solventi e altri materiali potenzialmente tossici. In attesa delle analisi dell’Arpam il comune ha chiesto di limitare gli spostamenti e di tenere chiuse le finestre. Chiuse in via precauzionale le scuole, le università, i parchi e gli impianti sportivi all’aperto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il governo impugna l’ordinanza della Sardegna sui test obbligatori per chi vuole arrivare sull’isola

next
Articolo Successivo

Ancona, vasto incendio divampa al porto. Il comune chiude scuole e parchi: “Limitate gli spostamenti e tenete le finestre chiuse”

next