Con l’arrivo dell’autunno molti Paesi temono l’arrivo di una seconda ondata di coronavirus, eventualità particolarmente insidiosa perché si sovrappone alle influenze stagionali. Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità preannuncia un “autunno difficile” con un aumento dei decessi nei prossimi due mesi. Lo ha confermato all’agenzia di stampa Afp il direttore per l’Europa dell’Oms, Hans Kluge: “Diventerà più difficile. In ottobre e novembre vedremo una maggiore mortalità

Kluge ha poi spiegato che i decessi aumenteranno a causa dell’attuale incremento della curva di contagio. I casi di coronavirus oggi hanno toccato un nuovo record nel mondo:307.930 contagi 24 ore, il livello più alto in assoluto dall’inizio della pandemia.

Quindi, ricorda l’organizzazione, è fondamentale attenersi alle regole di prevenzione che conosciamo, in particolare al distanziamento interpersonale. Dimenticata la stretta di mano, gli esperti suggeriscono che nemmeno il saluto con il gomito è totalmente sicuro: sarebbe meglio salutarsi portando la mano sul cuore. Questo è il consiglio dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ripreso dall’economista Diana Ortega e ritwittato oggi dallo stesso Direttore Generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, secondo il quale – si legge sempre nel tweet – con il saluto col gomito “la distanza di sicurezza non viene mantenuta e il virus può essere trasmesso attraverso dal contatto della pelle“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Navalny, anche Francia e Svezia confermano l’avvelenamento col Novichok. Putin a Macron: “Fateci analizzare i campioni biologici”

next
Articolo Successivo

“Oltre 4mila italiani schedati da un’azienda cinese di big data”. Da Renzi e Veltroni a Berlusconi, ecco chi c’è nella lista

next