Gigabyte Aorus F125F è il primo monitor della serie SuperSpeed del produttore taiwanese, dotato di un tempo di risposta che scende sotto la barriera del millisecondo ed è pensato per i gamer che desiderano le migliori prestazioni in ogni occasione. Il nuovo monitor è dotato di un pannello di tipo IPS con diagonale da 24,5 pollici e risoluzione Full HD, dispone di una frequenza di aggiornamento di 240 Hz e raggiunge l’incredibile risultato di un tempo di risposta di soli 0,4 ms.

Il monitor vanta inoltre tutte le qualità tipiche degli IPS come ottimi angoli di visione e una buona rappresentazione dei colori, con una copertura del 100 % della gamma sRGB grazie al pannello a 8 bit. Il monitor è inoltre dotato di certificazione DisplayHDR 400 di VESA e di supporto alla tecnologia AMD Radeon FreeSync, che aiuta a contenere i problemi dovuti alla mancata sincronizzazione tra il refresh rate della scheda video e del monitor.

Sul retro dell’Aorus è presente l’illuminazione a LED che è completamente personalizzabile tramite il software RGB Fusion di Gigabyte, mentre il design con alimentatore integrato lo rende facile da trasportare e permette ai gamer di tenere ordinata la scrivania. Per quanto riguarda l’I/O, il monitor possiede due porte HDMI 2.0 e una DisplayPort 1.2, oltre ad un hub dotato di due porte USB 3.0 Tipo-A e i due jack da 3,5mm per il collegamento di cuffie e microfono.

Il nuovo Aorus F125F infine offre diverse funzionalità software, tra cui OSD SideKick che consente ai giocatori di regolare direttamente le impostazioni del monitor utilizzando la tastiera e il mouse, la nuova funzione Auto-Update che fornisce ai giocatori il modo più semplice per aggiornare sia il firmware che il software e la possibilità di impostare le funzionalità di gioco FPS più desiderate come Aim Stabilizer, Black Equalizer e mirini personalizzati, o attivare l’eliminazione attiva del rumore (ANC) con un tasto di scelta rapida nel software.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google, Apple e Dropbox: i servizi cloud finiscono sotto la lente dell’Antitrust per presunte pratiche commerciali scorrette

next
Articolo Successivo

Xbox Series X e Series S: le due nuove console di Microsoft disponibili dal 10 novembre

next