Gigabyte ha presentato G34WQC, il suo primo monitor da gaming con superficie curva e formato ultra-wide. Ideato per soddisfare le esigenze dei videogiocatori più incalliti, il monitor è equipaggiato con un pannello LCD con risoluzione di 3440 x 1440 pixel, raggio di curvatura pari a 1500R, frequenza di aggiornamento di 144 Hz e tempo di risposta di 1 ms per garantire un’esperienza di gioco fluida e coinvolgente.

Per quanto riguarda le altre caratteristiche tecniche di rilievo, il display ha ottenuto la certificazione VESA DisplayHDR 400 che ne certifica la qualità dell’HDR. Il dispositivo integra inoltre alcune tecnologie, come Aim Stabilizer e Black Equalizer, utili per prendere al meglio la mira negli sparatutto e non farsi cogliere di sorpresa dai nemici nascosti nelle aree più buie.

Nonostante sia stato ideato principalmente per il vasto pubblico di videogiocatori, Gigabyte G34WQC è però un monitor più che valido anche per la produttività. Infatti, il formato 21:9 consente di avere un campo visivo più ampio rispetto al classico 16:9, permettendo di avere più spazio per lavorare ed affiancare diverse finestre contemporaneamente, inoltre, il monitor, nativo a 8 bit, offre una copertura dello spazio colore sRGB del 120% e DCI-P3 del 90%, perfetti per chi lavora con le immagini. Non mancano neppure le tecnologie Flicker-Free e Low Blue Light per assicurare il massimo comfort visivo, prevenendo l’affaticamento degli occhi di chi passa tante ore davanti al monitor.

Due porte HDMI 2.0 e due Display Port 1.4, uno stand che consente di inclinare il monitor da -5° a +20° ed è regolabile in altezza sino a 100 mm e un sistema audio con speaker da 2 W ne completano la dotazione. Al momento Gigabyte non ha ancora svelato il prezzo ufficiale del monitor, ma dovrebbe essere disponibile sugli scaffali dei negozi a partire dal prossimo settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei Watch GT Elegant, smartwatch in offerta su Amazon a meno di 100 euro

next
Articolo Successivo

Facebook e COVID-19: il social elimina 7 milioni di contenuti e etichetta altri 98 milioni come inattendibili

next