“La politica è un circo!”. Con questa espressione vengono spesso definite in maniera dispregiativa le vicende istituzionali della politica nostrana con fantasiosi accostamenti tra politici e pagliacci (o animali e domatori). Queste stesse figure però potrebbero diventare delle potenti allegorie per narrare l’esistente: può un circo risultare un’espressione artistica appropriata per raccontare le varie crisi che la nostra società sta subendo?

C’è chi a questa domanda ha risposto positivamente: da un’idea del regista Berardo Carboni è nato il Constitutional Circus, un progetto che vuole criticare il sistema globalizzato dei consumi per raccontarne le contraddizioni istituzionali e politiche e proporre delle alternative. Sono state le realtà locali di Roccascalegna in Abruzzo, Longobucco e Bisignano in Calabria ad aver ospitato le prove generali di quello che sarà anche uno spettacolo teatrale in scena dal 2021, promosso dalla casa di produzione cinematografica Piroetta in co-produzione con Calabria News 24 e Smart Network.

Un progetto bizzarro, un “Circo politico” che con estrema umiltà, quale è la natura del circo, descrive le tante incomprensioni tra gli stati e l’Unione europea fino ad analizzare la storia contemporanea come quasi un’indagine dell’origine dei problemi che stiamo vivendo.

Si parte dunque dai “battibecchi” dei due clown “Signor Stato” e “Signorina Europa” (interpretati rispettivamente da Giovanni Vicentin e Désirée Giorgetti) per poi proseguire con le accese discussioni sui concetti di modernità e progresso tra Pico Della Mirandola (Francesco Ferrieri), la Rivoluzione francese (Ilde Mauri) e la Rivoluzione industriale (Raffaella Paleari).

Tra i temi toccati figurano la critica ai paradisi fiscali nel nostro continente fino alla distribuzione della ricchezza, la giustizia ambientale e l’ambiguo sistema della finanza e degli algoritmi, concetto spiegato da Demetra Bellina, la quale incarna la “domatrice degli algoritmi”. Tutto questi temi vengono racchiusi nella critica a questa Unione europea e alla necessità di superarne le contraddizioni politiche e istituzionali per costruire una nuova Europa.

Magari un’unione democratica e federale (emblematica è da questo punto di vista la critica al ruolo del Consiglio europeo in una parte dello spettacolo). Infine è la figura dei voli pindarici, interpretato da Mario Russo, che rappresenta quel popolo ingabbiato, il quale subisce per primo le mancanze di questo sistema e cerca disperatamente di liberarsi da quest’ultimo con acrobazie (veri e propri “voli pindarici”) e odi pindariche.

È interessante come si cerchi di impostare il dibattito sull’Europa superando la dicotomia tra europeisti (coloro che difendono questa Unione europea) e gli euroscettici (quelli che vogliono tornare allo Stato-nazione). Esiste infatti un approccio euro-critico nei confronti delle istituzioni europee, il quale si deve interrogare su quali cambiamenti devono essere adottati a livello istituzionale e politico per rendere il nostro continente uno spazio più democratico e partecipativo.

La politica in Italia al momento non sta cogliendo questa estrema necessità, nonostante l’esempio della Brexit a pochi passi dovrebbe far riflettere – un processo di uscita anacronistico e pericoloso, causato in parte dalla dannosa narrazione manichea “Europa sì” – “Europa no”.

Sperando che questa iniziativa possa concretizzare i buoni propositi impostati quest’estate, ci si augura che anche la politica cambi direzione in questo senso: discutere di democrazia continentale e approcciarsi criticamente non solo verso l’Unione europea, ma anche nei confronti della società che abbiamo costruito, la quale già da tempo mostra dei limiti significativi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vodka siberiana /10 – Il destino solenne

next
Articolo Successivo

Web radio e incontri con il pubblico dal balcone: il nuovo Festivaletteratura di Mantova. Tra gli ospiti David Grossman, Paul Auster e Noam Chomsky

next