È con ogni probabilità di una ragazza originaria della Repubblica Ceca il cadavere trovato in mare a San Benedetto del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, nella mattina di domenica 30 agosto. Il corpo delle ragazza, circa 25 anni, era stato trovato all’altezza della Riserva Sentina a poca distanza dalla foce del fiume Tronto che divide le Marche dall’Abruzzo.

Al momento del ritrovamento la ragazza, piuttosto alta, capelli lunghi scuri, indossava un costume da bagno nero e orecchini. Al momento, l’ipotesi privilegiata dagli investigatori è che il corpo senza vita sia stato trasportato dalle correnti marine nel punto dove è stato recuperato. Da quanto si apprende, la giovane alloggiava in Abruzzo in un appartamento a Martinsicuro (Teramo), dove non c’è traccia del ragazzo che era con lei. La Procura di Ascoli Piceno ha avviato contatti con l’ambasciata e consolato e disposto ricerche in mare del ragazzo, nell’ipotesi che sia anche lui affogato.

Da una prima ricognizione cadaverica fatta dai sanitari di Medicina Legale dell’Area vasta 5 su incarico dei magistrati, la morte della giovane risalirebbe alla serata di sabato scorso. Sul corpo sono state riscontrate varie lesioni, che però non sembrerebbero aver causato la morte, e due profonde ferite alla coscia, forse causate dall’impatto con un’elica o un altro oggetto in mare. Nel frattempo, oggi il pm Cinzia Piccioni conferirà l’incarico per l’autopsia che dovrà stabilire le cause della morte e verrà attivata la procedura per l’identificazione attraverso l’esame del Dna. L’autopsia sarà eseguita mercoledì.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta sulla morte delle sorelle schiacciate dall’albero caduto nel campeggio di Massa. L’esperto: “Quel pioppo non era sano”

next
Articolo Successivo

Batterio killer in ospedale a Verona, la mamma che ha denunciato: “Mia figlia morta come altri 3 bimbi. Sapevano, non sono intervenuti”

next