Sono 16 gli arresti eseguiti dalla polizia di Hong Kong per le proteste anti-governative del 2019. Anche due deputati del Partito Democratico figurano nell’elenco, Ted Hui e Lam Cheuk-ting, sospettati “di atti di offesa” in un sit-in del 6 luglio vicino alla stazione di polizia di Tuen Mun. Sono stati arrestati mercoledì mattina, almeno secondo quanto scritto nei loro post su Facebook. Lam ha scritto su Twitter che è stato arrestato con l’accusa di cospirazione, danno di proprietà e ostacolo al corso della giustizia durante una protesta. I tweet affermano che è stato anche accusato di rivolta per i fatti accaduti il 21 luglio 2019 alla stazione metro di Yuen Long.

In quel giorno un gruppo di oltre 100 uomini vestiti di bianco ha attaccato manifestanti e passeggeri con aste d’acciaio e canne di rattan in una stazione della metropolitana. I manifestanti e molti del campo dell’opposizione hanno accusato la polizia di collusione con gli aggressori, poiché sono arrivati ​​tardi sul posto e non hanno effettuato arresti quella notte. Il Partito Democratico di Hong Kong ha confermato in un post di Facebook separato che entrambi i membri sono stati arrestati, insieme ad altri 14 di età compresa tra 26 e 48 anni, i cui nomi sono ancora anonimi in attesa di un comunicato stampa della polizia.

La città semiautonoma cinese ha visto mesi di proteste antigovernative dopo che il governo ha annunciato l’intenzione di approvare un controverso disegno di legge sull’estradizione che avrebbe consentito l’invio di sospetti criminali in Cina per essere processati. La rabbia per il disegno di legge, visto come una violazione delle libertà dell’ex colonia britannica, ha scatenato proteste che a volte sono sfociate nella violenza tra polizia e manifestanti, continuate anche dopo che il disegno di legge è stato successivamente archiviato.

Dall’inizio delle proteste nel giugno 2019, la polizia di Hong Kong ha effettuato più di 9.000 arresti. Figure di spicco a favore della democrazia che sono state arrestate includono gli attivisti Joshua Wong e Agnes Chow, così come il magnate dei media Jimmy Lai, che è un esplicito sostenitore della democrazia a Hong Kong.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa 2020, Melania Trump: “Non attaccherò gli avversari. Sono vicina a chi soffre per il Covid, Donald non si fermerà prima del vaccino”

next
Articolo Successivo

Stati Uniti, le lacrime del padre di Jacob Blake: “Hanno sparato a mio figlio sette volte. È un essere umano, e questo conta”

next