“Dobbiamo cercare di essere pronti a ogni tipo di ogni tipo di eventuale rigurgito di questa maledetta epidemia”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, nel corso di un incontro, a cui il governatore ha partecipato in videoconferenza, al Meeting Cl di Rimini. “In questi giorni si stanno vedendo numeri che non lasciano del tutto tranquilli, anche se credo che sia una situazione che deriva dall’importazione di virus che provengono da lontano. Dobbiamo tenerla sotto controllo, quindi il lavoro di monitoraggio territoriale al quale i nostri tecnici stanno dedicando grandissima attenzione è fondamentale per individuare e circoscrivere i focolai”. Poi sul tema della riaperture delle scuole Fontana afferma: “Vedo un po’ di confusione e la cosa mi preoccupa perché, prima ancora del problema dell’apertura delle scuole, ce n’è uno a monte, ovvero come portare a scuola i nostri ragazzi. Da mesi – ha continuato il presidente di Regione Lombardia – sto denunciando il fatto che il servizio pubblico locale con le attuali regole non sarà in grado di portare tutti al lavoro o a scuola se non si riuscirà a ottenere, per esempio, una diversificazione degli orari di inizio delle diverse attività. È una questione che ho posto come fondamentale ma alla quale non abbiamo ancora avuto una risposta”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd-M5s, Bonaccini d’accordo con Di Maio: “Sue parole condivisibili. Naturale che forze di governo provino a collaborare sul territorio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il cortocircuito della Lega. Salvini: “Emergenza? No, chi lo dice è in malafede”. Fontana e Zaia: “Dati preoccupanti”

next