Continua la lotta di Facebook contro le fake news legate all’emergenza COVID-19. Il colosso social di Mark Zuckerberg ha fatto sapere qualche giorno fa di aver rimosso tra aprile e giugno scorso ben 7 milioni di post che diffondevano disinformazione sul Coronavirus, mentre addirittura altri 98 milioni di post sono stati etichettati come inaffidabili sullo stesso argomento, anche se non è stato possibile rimuoverli perché le violazioni alle linee guida non erano tali da giustificare il provvedimento.

Come spiegato dal Washington Post, la crisi ha portato da un lato ad aumento esponenziale di bufale e false notizie sulla pandemia, su eventuali cure, sul vaccino e su molti altri aspetti legati alla questione. Dall’altro però Facebook in questi mesi ha dovuto anche ridurre il ricorso a team umani, delegando molte attività di monitoraggio all’intelligenza artificiale.

Foto: Depositphotos

Inoltre il proliferare di fake sull’argomento COVID ha costretto il colosso a riorientare molte risorse su quest’ultimo argomento, trascurandone un po’ altri, come ad esempio i post che promuovono nudità o linguaggio d’odio, che infatti segnano una diminuzione di post rimossi nel trimestre di riferimento rispetto a quello precedente.

La situazione insomma è complessa, tenendo conto anche del fatto che Facebook deve muoversi sul filo del rasoio, perché tra lotta alle false notizie e censura di opinioni legittime ancorché estreme o scientificamente infondate il passo è breve. Facebook inoltre non è sul Web per fare informazione, ma per fare profitto e non sarebbe quindi particolarmente interessata ad ostacolare i post dei propri utenti.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Gigabyte G34WQC, ecco il primo gaming monitor curvo dell’azienda taiwanese

next
Articolo Successivo

Microsoft Surface Pro 7, tablet professionale con 156 euro di sconto su Amazon

next