Andrea Pirlo, neo allenatore della Juventus, che prende il posto di Maurizio Sarri, all’inizio della stagione appena conclusa parlava così del proprio futuro da allenatore: “Un futuro da allenatore? Adesso inizio il corso, vedremo se capiterà qualcosa di interessante. Il mio modello? Modello Pirlo – scherza lui – Il campionato è appena iniziato, le squadre inizieranno a essere definitive e gli allenatori avranno tempo per lavorare. L’Inter mi sembra la squadra più attrezzata per mettere in difficoltà la Juve. Il capitano è un leader, Chiellini è un’assenza importante ma ci sono tanti altri difensori che possono sostituirlo. Quando sei in una grande squadra devi abituarti al fatto che tutti i giocatori meritano di stare in campo. Il Milan? Un nuovo allenatore, una nuova squadra, tanti giovani, ci vorrà tempo ma ripartiranno. Higuain è un grande campione, è il più adatto al fianco di Cristiano, è perfetto per la Juventus” ha detto l’ex bianconero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juve, cacciare Sarri non risolverà i problemi: dai dirigenti che volevano vendere Dybala a una squadra indebolita (Ronaldo a parte)

next
Articolo Successivo

La Serie A fa il record di debiti: 4 miliardi nel 2018/19. Il pallone si regge sui soliti diritti tv e sul “trucchetto” delle plusvalenze

next