Di Viviana Parisi, 43 anni, e degli figlio Gioele, di 4 anni non si hanno ancora tracce. I due sono scomparsi lunedì 3 agosto lungo l’A20 Messina-Palermo, all’altezza della frazione di Torre del Lauro di Caronia, dopo un piccolo incidente stradale autonomo. Le ultime ricerche si sono concentrate in due laghetti non lontani dal punto dove è stata trovata l’auto di Viviana, dj abbastanza nota dei locali della zona, ma le immersioni dei sommozzatori non hanno dato alcun risultato. Proprio lì, vicino agli invasi, sono state trovate orme fresche di passaggi di persona.

La procura di Patti, che ieri ha aperto una indagine, sta continuando a interrogare parenti e amici ma ancora non è emerso nulla di rilevante. Sentito nuovamente anche il marito, Daniele Mondello, che ha ribadito che non crede alla tesi di un allontanamento volontario. Secondo lui, la donna sotto shock si sarebbe allontanata in stato confusionale. Il sospetto dopo le prime dichiarazioni dell’uomo è che Viviana possa aver compiuto un gesto estremo.

La scorsa notte polizia stradale, pompieri, carabinieri, uomini della forestale, protezione civile e volontari con l’ausilio di droni e unità cinofila hanno perlustrato le campagne di Caronia, ma senza risultato. Durante le ricerche si è provato a ripercorrere gli itinerari che i due avrebbero potuto percorrere, compresi ruderi e casolari abbandonati.

La dj e producer aveva detto al marito di voler andare al centro commerciale di Milazzo, a una trentina di chilometri da casa, ma inspiegabilmente si trovava a più di 100 chilometri di distanza, senza telefono, lasciato a casa prima di mettersi in viaggio. Anche su questo si concentrano i dubbi degli inquirenti che si chiedono perché la donna abbia detto al marito di voler andar a Milazzo per poi allontanarsi fino a Caronia. All’interno dell’auto è stato ritrovato il portafoglio di Viviana, con un centinaio di euro dentro, e i documenti.

Poche settimane fa, il 14 luglio, la coppia ha pubblicato su YouTube e postato su Facebook l’ultima traccia prodotta insieme. In uno dei suoi ultimi post sul social network aveva scritto “Non ho più niente ma pian piano se arrivano alcune serate vorrei riprendermi il mio passato per andare avanti con il presente e il futuro se Dio vuole, riprendere un pò la mia vita lavorativa per vivere, per ritornare nella famiglia, per condividere di nuovo tutto”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mamma e figlio scomparsi sulla Messina-Palermo, le ricerche dei vigili del fuoco e dei volontari nella zona di Caronia

next
Articolo Successivo

Nitrato d’ammonio, ecco cosa è accaduto durante l’esplosione – L’intervista

next