Oltre una pillola e mezzo al giorno a testa. E’ il livello di consumo di farmaci tra gli italiani fotografato dall‘Agenzia nazionale del farmaco (Aifa) nel suo rapporto annuale relativo al 2019. Per la precisione il consumo è di 1604 dosi ogni 1000 abitanti, con un incremento del 2% rispetto all’anno prima. Cresce anche la spesa, sia quella pubblica che quella privata. Nel complesso sono stati acquistati farmaci per 30,8 miliari di euro, per il 76% rimborsati dal Sistema sanitario nazionale. La spesa a carico dello Stato è salita del 5,3% quella dei cittadini del 7,2%.Il Ssn ha speso in media 384 euro per ogni cittadino.

In generale le medicine per il sistema cardiovascolare si confermano al primo posto per consumi; quelli antineoplastici e immunomodulatori al primo posto per spesa farmaceutica pubblica. Come facilmente intuibile spesa pro capite e consumi crescono con l’aumentare dell’età: la popolazione con più di 64 anni assorbe oltre il 60% della spesa e circa il 70% delle dosi. Il 98% degli over 65 ha ricevuto nel 2019 almeno una prescrizione farmacologica, senza differenze tra uomini e donne. Per ogni utilizzatore ogni giorno sono state dispensate oltre 3 dosi, con una spesa di 671 euro pro capite.

Sale la spesa per farmaci non rimborsabili: Per i farmaci di fascia C, ossia totalmente a carico dei cittadini, gli italiani hanno pagato 5,7 miliardi di euro, il 6,5% in più dell’anno prima. Tranquillanti , contraccettivi e medicinali per la disfunzione erettile si confermano i farmaci per cui gli italiani hanno speso di più. Solo per i contraccettivi l’esborso è stato di 256 milioni di euro mentre per le disfunzioni erettili si sono spesi 231 milioni. I medicinali più utilizzati sono invece il paracetamolo (come la classica tachipirina) e l’antinfiammatorio e antidolorifico ibuprofene. Tra i farmaci di fascia A, per cui è previsto un rimborso a carico del Ssn, l’associazione amoxicillina – acido clavulanico e il pantoprazolo risultano essere a maggior spesa, seguiti dal ketoprofene.

“La crescita della spesa privata a mio avviso è preoccupate. Quasi un terzo della spesa farmaceutica è ‘out of pocket’, e questo fa riflettere”, ha affermato il direttore generale dell’Aifa Nicola Magrini, commentando i dati. “Penso sia opportuno avviare una riflessione sui tetti” di spesa, “quello dell’ospedaliera è totalmente inadeguato. E il fatto di avere adesso a disposizione questa analisi consente di fare anche nel 2020 degli interventi e delle correzioni”, ha aggiunto Magrini. Secondo il Dg, infine, “è arrivato il momento di ripensare alle classi di farmaci: A e C senza B forse non ha senso”, ha notato l’esperto.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pubblicità, nel 2019 storico sorpasso del web sulla tv ma i big si prendono quasi tutto

next
Articolo Successivo

Utili record per Intesa Sanpaolo nonostante il lockdown. Messina: con Ubi tra i primi in Europa

next