La voce del diavolo, artefatta, registrata con il cellulare e trasmessa nella stanza buia dove veniva rinchiuso un bambino di 11 anni di Arzachena, nel Sassarese, vittima di segregazione e torture in quella che è stata ribattezzata “la villetta degli orrori“, era quella del padre. Insieme alla madre e alla zia, lo puniva e lo terrorizzava. “Persone prive del benché minimo senso morale e di umanità, spietate e senza scrupoli, le quali non hanno esitato ad abusare, letteralmente torturandolo, di un soggetto di minore età assolutamente indifeso e alla loro mercé”, scrive il giudice del Tribunale di Tempio Pausania, Marco Contu, nelle motivazioni della sentenza con cui, un mese fa, ha condannato a 8 anni per sequestro di persona e maltrattamenti i due genitori e una zia del ragazzino, ora 12enne, segregato e maltrattato nella villetta di famiglia, ad Arzachena. Motivazioni che sono state depositate ieri, 28 luglio, e che sono state anticipate dai quotidiani locali.

Per mesi il bambino ha subito le violenze fisiche e psicologiche dei genitori. Per educarlo veniva sistematicamente rinchiuso nella sua stanza, con porte e finestre sbarrate, al buio, privato anche del letto, due pagnotte rafferme e una bottiglia d’acqua per cibarsi e un secchio dove fare i bisogni. Per intimorirlo, il padre aveva registrato delle voci che, alterate per sembrare “sataniche”, lo minacciavano dicendogli di portarlo all’inferno se non si fosse comportato bene. Così trascorreva serate e nottate intere, mentre i genitori, di 47 e 47 anni, uscivano per andare a cene con amici e feste in famiglia. Come la notte del 29 giugno 2019, quando il bambino trovò la forza di comporre il 112 da un cellulare senza scheda telefonica e chiedere aiuto ai carabinieri. Arrivati nella villetta nelle campagne di Arzachena dove il bimbo era rinchiuso, i militari avevano potuto verificare il racconto della vittima. Ad aiutare nelle indagini anche i diari del bambino, in cui l’undicenne scriveva delle violenze subite e del desiderio di andarsene in seminario, perché in casa si sentiva triste. I genitori furono subito arrestati mentre la zia, considerata l’istigatrice del reato, finì in carcere qualche mese dopo. I tre, difesi dagli avvocati Marzio Altana, Angelo Merlini e Alberto Sechi, ammisero tutte le responsabilità giustificando quei metodi con la necessità di educare un bambino un po’ troppo vivace. “Accanimento maligno e per certi versi perverso”, lo definisce, invece, il gip Caterina Interlandi nella sentenza. “Non si tratta di follia, ma puramente e semplicemente di cinismo, di insensibilità e di deprecabile crudeltà nei confronti di un bimbo ritenuto a volte un ostacolo al trascorrere del tempo fuori casa per divertimento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carabinieri Piacenza. ‘Calabresi, pezzi grossi’: l’ombra delle ‘ndrine dietro a fornitore droga. Coinvolta la Dda. Bezzeccheri: “Altri sapevano”

next
Articolo Successivo

Un funzionario onesto e il trojan, gli appalti di due comuni del Friuli nel mirino della Finanza e un sindaco ai domiciliari

next