Nelle scorse ore Facebook ha confermato ufficialmente ai colleghi di TechCrunch di star sperimentando una nuova funzione: le schede informative di Wikipedia, che presto potrebbero dunque essere introdotte sul popolare social network. Una soluzione utile per gli utenti, ma anche per l’azienda, che avrebbe così una soluzione in più per tenere più a lungo gli utenti sulla propria piattaforma, un aspetto assai importante per qualsiasi sito Web. Il colosso statunitense sta dunque cercando di potenziare lo strumento di ricerca, introducendo una scheda con informazioni tratte da Wikipedia, in maniera molto simile a quella mostrata da Google quando si effettua una ricerca su un film, personaggio, luogo e molto altro ancora.

In pratica, digitando una parola chiave dalla barra di ricerca, sul lato destro comparirà una scheda con le informazioni collegate a quella stessa parola. Tutto ciò, consentirà all’utente di restare all’interno di Facebook senza andare al di fuori – per esempio su Google – per cercare informazioni. La funzione è ora in fase di test sulle versioni mobile web, desktop e app iOS del social network, al momento limitata a un numero ristretto di utenti.

Non sappiamo dunque quando e se raggiungerà tutti gli utenti. A quanto pare infatti allo stato attuale la funzione presenterebbe ancora qualche imperfezione: non sempre ad esempio verrebbero mostrati risultati pertinenti o essi apparirebbero diversamente, a seconda di come viene digitata la parola di ricerca. Pare, infine, che Facebook rimandi ai propri strumenti quando possibile.

Per esempio, stando a quanto riportato da TechCrunch, digitando la parola COVID viene visualizzato il Centro di informazioni COVID-19 di Facebook e non il pannello laterale con i dati relativi alla pandemia, come invece avviene su Google. La soluzione insomma necessita ancora di messa a punto. Trattandosi delle primissime fasi di test, Facebook non ha rilasciato alcuna informazione su una possibile disponibilità a livello globale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Oppo A72 5G, ufficiale la variante dello smartphone di fascia media: tante novità, non tutte positive

next
Articolo Successivo

Amazon Alexa, importanti novità in arrivo per l’assistente vocale sia su Android che su iOS

next