Un intervento al cervello “awake”, ossia da sveglia, su una 14enne affiancata dalla madre in sala operatoria per un supporto psicologico, durante l’asportazione di un’area interessata da una lesione all’origine di crisi epilettiche. Un’operazione usata raramente in ambito pediatrico, una delle prime in Italia, quella eseguita – durata in tutto circa 5 ore – con esito positivo al Salesi-Ospedali Riuniti di Ancona. In campo un’equipe multidisciplinare (neurochirurgica, anestesiologica, neuroradiologica, neurologica, neurofisiologica, psicologica) che, in parte, ha lavorato in fase preoperatoria per preparare mamma e figlia ad affrontare la procedura e, in parte, in fase intraoperatoria col supporto di tecnologie avanzate per definire l’area del cervello in questione e sorvegliare le funzioni neurologiche della giovane durante la resezione della lesione epilettogena

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili