“Iron” Mike torna sul ring. Sì, a 54 anni Mike Tyson combatterà ancora: il 12 settembre probabilmente, contro Roy Jones Jr, in un match di esibizione basato su 8 round. Lo ha ufficializzato lo stesso pugile attraverso il suo sito internet, aggiungendo che “sarà un incontro fantastico”. Un annuncio che accompagna una strategia comunicativa basata appunto sui social: qualche mese fa l’idea era stata lasciata trapelare con un breve filmato diffuso su Instagram in cui si vedeva l’ex pugile impegnato in una sessione d’allenamento col suo coach, e alla fine della clip lo slogan “I’m back”, “sono tornato”. Qualcuno aveva parlato addirittura di un nuovo match contro lo storico rivale Evander Holyfield. Celebre il combattimento del 1997 in cui Tyson addentò un orecchio al rivale staccandone parte.

Incontro rimasto nella storia, tanto che in un famoso spot pubblicitario girato anni dopo, in occasione della “Settimana della benevolenza”, Iron Mike bussava alla porta di Holyfield per far pace, restituendogli il pezzo d’orecchio staccato. Anche l’avversario, Roy Jones Jr è un ex pugile: l’ex campione del mondo dei pesi massimi e argento olimpico nel 1988 a Seul ha combattuto l’ultimo match nel 2018, mentre “Iron Mike” manca dal ring dallo scorso 2005 quando, in un periodo buio della sua vita tra bancarotta e secondo divorzio, fu sconfitto da Kevin McBride, ritirandosi. Tre anni prima, nel 2002, Tyson aveva combattuto per l’ultima volta per il titolo mondiale, perdendo contro Lennox Lewis. Pare che il ritorno sul ring di Iron Mike possa anche diventare una docu–serie da guardare online: 10 episodi con la preparazione al match dei due pugili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili