Il lungo lockdown dovuto alla pandemia da Coronavirus prima, e l’arrivo dell’estate poi ha portato a un boom della mobilità su due ruote anche nelle grandi città: biciclette, elettriche e non, di proprietà o in sharing e monopattini di vario tipo, stanno infatti diventando sempre più popolari e utilizzati nelle nostre città grandi e piccole. Per questo Google, ha pensato di introdurre in mappe alcune nuove funzionalità pensate ad hoc per i ciclisti e gli amanti delle due ruote in generale.

Le novità principali riguardano due ambiti, le informazioni sui percorsi ciclabili e quelle sul bike sharing. Per quanto riguarda il primo punto, Google fornirà informazioni sempre aggiornate sul miglior percorso ciclabile, utilizzando un mix tra deep learning, reti neurali, immagini e dati forniti dalle autorità locali e dagli utenti stessi al fine di comprendere di ciascun percorso in un dato momento.

Foto: Depositphotos

Per quanto riguarda invece i servizi di bike sharing, il colosso di Mountain View cercherà di garantire dati sempre più affidabili, consentendo così agli utenti di individuare il servizio che preferiscono e conoscere velocemente numero di mezzi disponibili e loro disponibilità nei dintorni della propria posizione geografica. In alcune città, oltre a queste informazioni, Mappe visualizzerà anche il link per il download dell’app dedicata al servizio di bike sharing selezionato.

Si tratta ovviamente di servizi che richiedono un’elevata integrazione da un lato con le autorità locali e dall’altro con le varie aziende di bike sharing che operano su un determinato territorio. È facile quindi comprendere come l’implementazione di tali servizi richiederà qualche tempo. Google infatti offrirà inizialmente questi servizi in dieci città, nessuna italiana e solo una europea: Chicago, New York, San Francisco, Washington, Città del Messico, Montreal, Rio De Janeiro, San Paolo, Taipei e Londra. Tuttavia il servizio sarà man mano ampliato ed è destinato dunque ad arrivare anche qui da noi.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

BadPower, l’attacco che prende di mira i caricabatterie e minaccia gli smartphone di incendio

next
Articolo Successivo

OnePlus Nord ufficiale: smartphone 5G con 8 GB di RAM a 399 euro

next