La Juventus ha rischiato di replicare contro il Sassuolo la sconfitta rimediata a San Siro contro il Milan. In vantaggio (meritatissimo) di due gol dopo meno di un quarto d’ora, si è fatta raggiungere e superare prima di metterci una pezza e portare a casa un pareggino. Un clamoroso 3-3 che, complice lo 0-0 della Lazio a Udine, va letto come un ulteriore passo avanti verso lo scudetto. Stupisce come i bianconeri cambino atteggiamento e consistenza all’interno della stessa gara: “Preferirei prendere gol in contropiede che per passività”, ha commentato il tecnico Maurizio Sarri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sport, Spadafora vuole cancellare le porte girevoli tra cariche federali e politiche. Le Federazioni resistono: e Lotti guida la rivolta

next
Articolo Successivo

Ti ricordi – “Luis Figo ha firmato”, quando il portoghese era della Juve. Ma anche del Parma

next