La cefalea cronica da ora sarà riconosciuta come una malattia sociale. Il Senato ha approvato la legge con 235 voti a favore, due contrari e nessun astenuto. “Un primo punto di partenza e di attenzione verso i circa sette milioni di italiani che ne soffrono” commenta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, prima firmataria del testo di legge. Lo Stato italiano riconosce le malattie sociali come invalidanti. In questo modo, sottolinea la deputata Pd Giuditta Pini, co-firmataria della legge, “la cefalea primaria cronica e l’emicrania sono riconosciute, i centri cefalee sono riconosciuti, i pazienti e i medici avranno più strumenti per combattere questa malattia silenziosa”. La cefalea cronica ha una grave incidenza sulla società, dell’alto numero di soggetti che ne soffrono, “con una prevalenza netta di donne e nella fascia 20-50 anni”.

Il testo della legge è composto di un solo articolo, abbastanza sintetico ma al contempo efficace: “La cefalea primaria cronica, accertata da almeno un anno nel paziente mediante diagnosi effettuata da uno specialista del settore presso un centro accreditato per la diagnosi e la cura delle cefalee che ne attesti l’effetto invalidante, è riconosciuta come malattia sociale […] nelle seguenti forme: a) emicrania cronica e ad alta frequenza; b) cefalea cronica quotidiana con o senza uso eccessivo di farmaci analgesici; c) cefalea a grappolo cronica; d) emicrania parossistica cronica; e) cefalea nevralgiforme unilaterale di breve durata con arrossamento oculare e lacrimazione; f) emicrania continua”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Iss-Istat: “A maggio si è esaurito l’eccesso di mortalità. Decessi sotto la media, Lombardia ancora in controtendenza”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Speranza impone il divieto di ingresso in Italia da 13 Paesi “a rischio”: stop ai voli diretti e indiretti

next