Mauro Coruzzi in arte Platinette è tornato a parlare di unioni civii e utero in affitto, chiarendo in un video pubblicato sui social il suo punto di vista su queste questioni, dopo che sui social erano scoppiate le polemiche per un’intervista che aveva rilasciato qualche giorno fa. “L’idea della coppia non è nei miei obiettivi di vita, posso dirlo? Sono felice che ci sia una legge e che coloro che vogliono utilizzarla lo facciano – ha detto Platinette -. Ma posso aggiungere che non mi riguarda? Posso aggiungere dall’alto della mia venerandissima età che il mio essere differente dalla norma significa anche essere differente nei comportamenti? No, non si può dire…”.

Poi ha usato parole forti riguardo alla pratica dell’utero in affitto: “Adottate un figlio, non nascondetevi dietro un figlio. È serio da parte di una coppia gay chiedere a una donna l’utero in affitto, pagarlo, sfruttarlo per avere un figlio che gli somigli? Io non sono fatto per quella vita lì, ho un senso elevato della responsabilità: figuriamoci se ho il coraggio e la leggerezza per avere a casa un figlio, frutto magari di un utero in affitto. Sei più violento tu con le donne di quanto siano gli stupratori: la paghi perché vuoi qualcosa che ti assomigli, poi la liquidi. Certo, lei è consenziente, ci mancherebbe fosse costretta a farlo”, ha concluso Coruzzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, Conte a Lisbona: “Dobbiamo percorrere ultimo miglio. Non si può completare negoziato con proposte al ribasso”

next