Massacrato di botte e ucciso per aver vietato a dei passeggeri senza mascherina di salire su un autobus: così è morto Philippe, un conducente di tram bus di Bayonne, nella costa sud-ovest della Francia. L’aggressione è avvenuta di domenica sera, intorno alle 19: l’uomo, 59 anni, è stato portato all’ospedale già in condizioni critiche. Per tutto il giorno di lunedì si è cercato di rianimarlo, poi è stata dichiarata la morte cerebrale.

Fonti del sindacato hanno raccontato alla radio locale France Bleu che l’autista avrebbe cercato di evitare a un uomo senza mascherina e con un cane di salire a bordo del mezzo. Quindi, riporta le Parisien, avrebbe chiesto anche ad altri quattro passeggeri già a bordo senza mascherina di scendere. La polizia ha fermato cinque aggressori e interrogato uno di loro. I lavoratori del servizio di autobus Chronoplus hanno deciso di scioperare fino a quando non ci saranno i funerali del loro collega aggredito. Una decisione ritenuta “comprensibile” dalle autorità locali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Mike Pompeo: “Stiamo valutando di bandire TikTok”. La società: “Non abbiamo mai fornito dati al governo cinese”

next
Articolo Successivo

Erdogan vuole trasformare Santa Sofia in una moschea islamica? La Storia non si cancella così

next