Dei ladri si sono intrufolati in casa di Franck Ribéry, centrocampista francese della Fiorentina, mentre il giocatore era a Parma per la trasferta di Serie A. Lo rende noto lo stesso calciatore su Instagram con dei video della casa di Bagno a Ripoli, vicino a Firenze, messa a soqquadro. Ha poi aggiunto un messaggio: “Al ritorno da questa vittoria contro il Parma – scrive – sono tornato a casa. Ecco quello che ho trovato… Mia moglie ha perso qualche borsa, qualche gioiello ma, grazie a Dio, non è questo l’essenziale. Quello che mi sconvolge è avere questa sensazione di essere nudo, di avere le braghe calate e questo non lo accetto. Grazie a Dio mia moglie e i miei figli erano al sicuro a Monaco, ma come avere fiducia al giorno d’oggi? Come posso/possiamo sentirci bene dopo questo? Non corro dietro ai milioni, grazie a Dio non mi manca nulla, del resto corro sempre dietro a un pallone perché ne sono appassionato. Ma, passione o no, la mia famiglia viene prima di tutto e prenderemo le decisioni necessarie per il nostro benessere”.

Il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, ha subito chiamato Ribéry per rincuorarlo dopo il tragico evento. “Faremo il possibile per fare tornare a Franck la tranquillità necessaria e affronteremo insieme a lui questo bruttissimo momento – scrive Commisso sul sito ufficiale della squadra – Sono sicuro che anche i fiorentini saranno al fianco di Franck facendogli sentire il loro grande affetto e il loro amore per il nostro grande campione”.

Il valore degli oggetti rubati non è stato ancora calcolato, intanto sul posto sono intervenuti i carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ecco gli ‘esodati del pallone’: a obiettivo raggiunto (o fallito) le società smobilitano. Ma è colpa di Fifa e Federazioni

next
Articolo Successivo

Kitikaka – Il situazionismo, la nonchalance da consumato biscazziere: non possiamo più fare a meno di Mauro Bellugi

next