È stato picchiato a sangue da un gruppo di giovani che lo hanno colpito con calci e pugni la notte scorsa a Jesolo. La vittima, un 38enne tunisino, ha riportato un grave trauma cranio-facciale e si trova in terapia intensiva all’ospedale di Mestre: i sanitari ritengono sia in pericolo di vita. Intanto i carabinieri della cittadina balneare veneta hanno identificato e denunciato per lesioni personali gravissime in concorso tre giovani trentenni di Jesolo, incensurati: sono accusati della violenta aggressione.

Tutto è avvenuto intorno alle 3.50 della scorsa notte ed è stato ricostruito dalle immagini della video sorveglianza e sulla base della dichiarazioni dei testimoni. La vittima, descritta come ubriaca e a torso nudo, si è avvicinata a un bar vicino a piazza Milano: secondo la ricostruzione, ha preso di mira i clienti seduti ai tavolini, infastidendoli e lanciando anche una bottiglia di vetro che non ha colpito nessuno. Secondo le testimonianze raccolte dai quotidiani locali, avrebbe avuto in mano un taser. Poi il 38enne si è allontanato: a quel punto un gruppo di giovani lo ha seguito e massacrato di botte, colpendolo ripetutamente anche quando era ormai inerme a terra e senza che nessuno intervenisse per fermarli. Qualcuno ha avvertito i carabinieri che arrivati sul posto hanno trovato l’uomo steso a terra, sanguinante e in gravi condizioni.

“Il momento delicato richiede attenzione anche nelle considerazioni che si possono fare. Dichiarazioni mi riserverò di farle solo dopo aver incontrato i capigruppo del Consiglio comunale con i quali mi confronterò per individuare una presa di posizione congiunta”, ha detto il sindaco di Jesolo Valerio Zoggia, dopo aver avuto notizia del pestaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, scoperto focolaio in azienda di Vicenza. Zaia: “Piano di isolamento per tutte le persone venute a contatto con i positivi”

next
Articolo Successivo

Verona, salme sepolte di nascosto al cimitero di Cerea: sono 17 cittadini marocchini. Indaga la Procura. Sindaco: “Caso deplorevole”

next