La presidenza del Senato ha deciso all’unanimità la desecretazione degli atti classificati fino al 2001, compresi quindi quelli che riguardano la strage di Ustica. E’ stato invece bocciato l’emendamento di Lega e Fratelli d’Italia che avrebbe voluto estendere l’intervento anche agli atti dal 2001 al 2018.

Oggi è il giorno della verità storica e della trasparenza“, ha dichiarato poco dopo la presidente di Palazzo Madama Elisabetta Casellati. “L’impegno è che lo stesso criterio sarà esteso nei prossimi lavori fino ai nostri giorni, affinché non rimangano più ombre e opacità. Sono molto soddisfatta. La memoria delle vittime e il dolore dei familiari hanno diritto alla piena chiarezza su fatti che hanno segnato tragicamente la storia di tutto il Paese”. La vice presidente dem Anna Rossomando ha ricordato come l’impegno fosse stato ribadito “la scorsa settimana, alla vigilia del quarantesimo anniversario della strage di Ustica”. “La speranza è che questi documenti, finalmente accessibili, possano dare un contributo alla verità su tante pagine della storia del nostro paese ancora oscure, a partire proprio da Ustica”.

Se il via libera è arrivato all’unanimità, nonostante le tensioni tra maggioranza e opposizione dei giorni scorsi, a essere stato bocciato è l’emendamento a firma Tiziana Nisini della Lega che avrebbe consentito la desecretazione anche degli atti dal 2001 al 2018: “Hanno votato tutti contro”, ha dichiarato il vicepresidente leghista di Palazzo Madama Roberto Calderoli, “alla faccia della sbandierata trasparenza. Persino i 5 stelle, stamattina c’erano tra gli altri Taverna e Bottici, hanno detto no a un’operazione che avrebbe fatto luce sugli atti dell’affare Mitrokhin e dell’uranio impoverito. Lo vadano a raccontare alle famiglie delle vittime e ai loro elettori. Che vergogna. Un emendamento di buonsenso e di trasparenza che ha creato tensioni nella maggioranza probabilmente dettata dalla paura di desecretare alcuni documenti”.

Nel merito poco dopo sono intervenuti anche i 5 stelle a Palazzo Madama. “Quei documenti riguardano tutti tranne il Movimento 5 stelle“, hanno scritto in una nota. “Tanti altri atti successivi al 2001 saranno presto disponibili, non appena sarà stato possibile ordinarli e digitalizzarli. E’ un lavoro ancora da completare e per il quale servono risorse apposite. Perché gli atti siano veramente a disposizione di tutti è necessario che siano facilmente accessibili, altrimenti la desecretazione è solo teorica”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La7, Dino Giarrusso protesta con Alessandra Sardoni: “Lei interrompe solo me parlandomi sopra e con Toti e gli altri ospiti non lo fa”

next
Articolo Successivo

Stati Generali, un summit inquinato dalla logica dei pesi e contrappesi: c’era da aspettarselo

next