La Lombardia riapre discoteche e sale da ballo. A partire dal 10 luglio si torna in pista, ma sempre e solo all’aperto, come previsto della normativa nazionale. Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, ha firmato una nuova ordinanza che entrerà in vigore dal 1 luglio e prevede, a partire dal 10, la ripartenza anche degli sport da contatto. Per il via libera al classico calcetto e agli altri sport di contatto servirà però che Regioni e Province autonome, d’intesa con il ministero della Salute e quello dello Sport, abbiano preventivamente accertato la compatibilità delle attività con l’andamento della situazione epidemiologica. Dal primo giorno di luglio, invece, in Lombardia potranno riprendere anche congressi e manifestazioni fieristiche.

Il nuovo provvedimento firmato dal governatore Fontana dà il via anche ai tirocini, che potranno essere di nuovo svolti in presenza, ma solo nei luoghi di lavoro dove non sono presenti restrizioni all’esercizio dell’attività. Fontana dice “sì” anche a eventi e competizioni sportive che dovranno essere svolte esclusivamente all’aperto e senza la presenza di pubblico.

Restano in vigore le prescrizioni già previste per i datori di lavoro dai precedenti provvedimenti: fino al 14 luglio sarà obbligatorio indossare all’aperto la mascherina, tranne nel caso di intense attività motorie o sportive. Inoltre, i datori di lavoro hanno l’obbligo di misurare la febbre sui luoghi di lavoro e di comunicare tempestivamente i casi sospetti all’Agenzia di tutela della salute (Ats) di riferimento.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Alex Zanardi, nuovo intervento al cervello. Ancora in terapia intensiva e prognosi riservata. I medici: “È uno step ipotizzato”

next
Articolo Successivo

Zanardi, il pilota sottoposto a secondo intervento al cervello. I medici: “Condizioni neurologiche rimangono gravi”

next