Trecento persone sono in isolamento per dieci giorni dopo aver trascorso la serata del 21 giugno al Flamingo Club di Zurigo, in Svizzera. Dopo una settimana si è scoperto infatti che uno dei giovani presenti nella discoteca è positivo al coronavirus e così subito è scattato l’allarme per tutti gli avventori presenti quella sera. Dai test è emerso che altre cinque persone erano state contagiate.

Ad annunciarlo è stato lo stesso locale con un post pubblicato su Facebook: “Ciao cari ospiti del Flamingo . Questa settimana purtroppo abbiamo scoperto che 4-5 persone che si trovavano da noi e in altri locali si sono infettate dal Covid-19 – si legge – . Ci siamo resi conto che c’è ancora gente che esce anche se è malata o non prende sul serio i sintomi! Ecco perché abbiamo cambiato personale del Flamingo, vengono effettuati controlli più severi e domenica il club rimarrà chiuso al momento. Sabato il Flamingo Club rimane aperto”.

L’autorità cantonale ha sottolineato che subito è scattata l’indagine epidemiologica tra tutti i presenti quella sera, che erano stati registrati in un elenco: l’episodio, fanno sapere le autorità svizzere, è importante per capire che bisogna evitare il più possibile gli assembramenti e se non è possibile, si deve indossare la mascherina. Il cantone ha avvertito anche che se succederà di nuovo un caso simile i locali notturni verranno chiusi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Parigi, 2mila giovani organizzano festa improvvisata in centro: guerriglia nella notte con la polizia. 5 fermati, 9 agenti feriti

next