“La presenza di focolai, anche di una certa rilevanza, mostra come il virus continui ad essere in grado, nelle attuali condizioni, di trasmettersi in modo efficace”. Quindi, nonostante una situazione che resta di “bassa criticità”, l’epidemia “non è affatto conclusa”. E questo “deve invitare alla cautela”. Nella settimana in cui tre regioni hanno un indice Rt superiore a 1 – Lazio, Lombardia ed Emilia-Romagna – l’Istituto superiore di Sanità invita nuovamente a non considerare cessato l’allarme per il coronavirus.

“In quasi tutta la Penisola sono stati diagnosticati nuovi casi di infezione, riscontro in gran parte dovuto alla intensa attività di screening con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti”, si legge nel report settimanale dell’Iss che ricorda come i focolai di Bologna, Mondragone e Val d’Ossola dimostrano come Sars-Cov-2 “continui ad essere in grado, nelle attuali condizioni, di trasmettersi in modo efficace”.

Il quadro generale dell’infezione “rimane a bassa criticità con una incidenza cumulativa negli ultimi 14 giorni (dall’8 al 21 giugno) di 5.98 casi per 100.000 abitanti”, spiega l’Istituto guidato da Silvio Brusaferro che fa notare come siano in lieve diminuzione i nuovi casi diagnosticati rispetto alla settimana precedente. “In aumento – precisa l’Iss – alcune stime dell’indice di contagio Rt, in linea con il lieve aumento dei casi nella scorsa settimana in alcune Regioni dove si sono sviluppati focolai”. Mentre “persiste l’assenza di segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali”.

Le Regioni con indice di contagio Rt sopra 1 sono Emilia Romagna (1.01), Lazio (1.24) e Lombardia (1.01). Anche la Toscana sfiora l’Rt 1 fermandosi a 0.96, mentre l’Umbria è l’unica con Rt a zero. “La situazione a livello del Paese continua ad essere buona e l’Rt sotto 1 su scala nazionale – dice Giovanni Rezza, direttore generale Prevenzione del ministero della Salute – Naturalmente persistono delle differenze nell’incidenza da regione a regione”. Questi dati “ci inducono a mantenere comportamenti adeguati e soprattutto a identificare e contenere prontamente i focolai che dovessero insorgere come attualmente si sta facendo”, conclude Rezza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i nuovi casi sono 259: il 60% in Lombardia. Ci sono 665 positivi in meno ma 2 persone in più in Rianimazione. 30 i morti

next
Articolo Successivo

Liguria, traffico in tilt per lavori in autostrada: fino a 12 chilometri di coda verso Genova. E Autostrade vuole chiudere totalmente 14 tratte

next