Il pilota britannico di Superbike Ben Godfrey, 25 anni, è morto dopo un incidente in pista durante l’evento “No Limits Trackday” a Donington Park, nel Regno Unito. Fatali le ferite riportate a causa dello scontro contro un’altra moto: il giovane pilota è deceduto poco dopo essere stato soccorso. Sul tragico incidente la polizia di Leicestershire ha aperto un’indagine.

Godfrey, che gareggiava nel campionato britannico di Superbike, avrebbe dovuto partecipare alla Ducati TiOptions Cup a Silverstone per il Team BGR entro la fine di quest’anno. “Era un fantastico giovane uomo”, lo ha descritto il direttore dell’evento No Limits Trackdays, Mark Neate, che ha aggiunto: “Era amico di tante persone nel paddock, sorrideva sempre e aveva tempo per tutti”. Una perdita avvenuta troppo presto, ha sottolineato il suo compagno di gara della Superbike Glenn Irwin. “Riposa in pace Ben Godfrey – ha aggiunto lui – I miei pensieri sono con la sua famiglia, i suoi amici e la sua squadra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, il campionato post coronavirus è una grande amichevole estiva

next
Articolo Successivo

Novak Djokovic, 4 positivi al coronavirus al suo torneo a Zara: i tennisti Dimitrov e Coric, anche l’allenatore del serbo. Annullata la finale

next