Nonostante il tempo piovoso degli ultimi giorni, l’estate è veramente alle porte: alle 23:44 italiane scatterà il solstizio d’estate e si entrerà nella giornata più lunga dell’anno. 15 ore e 15 minuti di luce. Quest’anno con un fenomeno particolare: un’eclissi solare anulare, un vero e proprio ‘anello di fuoco’ nel cielo che in Italia sarà visibile nelle regioni del Centro e del Sud. Anche Google ha voluto festeggiare con uno dei suoi ‘doodle’, le animazioni che compaiono sopra la barra di ricerca: una mongolfiera, con a bordo un fenicottero rosa, sale in cielo verso un sole sorridente. Tra i riti più famosi, quello della cerimonia nel sito archeologico di Stonhenge, ma quest’anno le autorità britanniche fanno appello a restare a casa, per evitare assembramenti.

“Soltanto per pochi minuti l’inizio dell’estate cade il 20 giugno – ha osservato Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai). Nella notte avverrà quindi il cambio di stagione – ma sappiamo che è una data che può variare da un anno all’altro e l’anno bisestile gioca senz’altro un ruolo”. Il solstizio avviene quando il Sole si trova più a Nord rispetto all’Equatore celeste: una posizione che ne garantisce la massima permanenza al di sopra dell’orizzonte e spiega perché il giorno del solstizio d’estate sia il più lungo dell’anno, nel senso che il periodo di luce ha la massima durata. Il 21 giugno, infatti, il Sole sorgerà alle 5.36 e tramonterà alle 20.51. Per vedere l’alba del giorno più lungo dell’anno solitamente almeno diecimila persone si radunano a Stonhenge, attorno al monumento del Neolitico nel Wiltshire. Ma quest’anno, per via dei timori legati alla diffusione del coronavirus, le autorità consigliano a tutti di restare a casa: “Sappiamo quanto sia forte il desiderio di venire qui per alcune persone. Ma per favore guardatelo online“, ha detto la direttrice del sito, Nichola Tasker, riferendosi alle immagini che verranno trasmesse in streaming a cura di English Heritage, l’agenzia inglese per i beni culturali. La polizia del Wiltshire ha annunciato che sarà presente nell’area nel corso del weekend, per scongiurare il rischio di assembramenti.

Proprio il Sole sarà il primo a dare il benvenuto all’estate: a partire dalle 6,56 italiane sarà visibile l’eclissi anulare di Sole, un evento che si verifica quando la Luna – prossima all’apogeo, la sua massima distanza dalla Terra – si frappone tra noi e la nostra stella lasciandone però intravedere il perimetro. Spettacolo assicurato, almeno per chi si troverà in Africa centrale, Arabia Saudita, India, Pakistan, Cina, oceano Pacifico. “Il fenomeno potrà essere osservato molto bene soprattutto in Asia e l’Italia – precisa Volpini – si trova al limite settentrionale della fascia di visibilità”. La fase parziale dell’eclissi si potrà vedere soprattutto dalle regioni del Centro Sud: a Catania, per esempio, sarà visibile per circa un’ora, dalle 6:56 alle 7:57; nel Gargano, a Peschici, dalle 6,11 alle 7:55, a Roma ci si potrà alzare con calma perché l’eclissi si potrà osservare dalle 7:18, ma per nemmeno mezz’ora: alle 7,55 lo spettacolo sarà già finito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Remuzzi (Mario Negri): “Passata l’idea che il Veneto sia stato più bravo della Lombardia. Alcuni indicatori dicono il contrario”

next
Articolo Successivo

Eclissi di Sole anulare, lo spettacolare “benvenuto” all’estate: le immagini a Nuova Delhi, in India

next