Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Lorenzo Giannotti

Partiamo dall’assunto che la didattica a distanza non potrà mai equivalere alla didattica in presenza, e che bisogna fare tutto il possibile per garantire un normale svolgimento delle lezioni nelle loro sedi naturali: le aule e gli atenei. Detto questo, l’istruzione universitaria italiana (che vanta numerose e riconosciute eccellenze), nel 2020, non può accantonare e riporre frettolosamente nel cassetto quella didattica online che è stata provvidenziale in questo periodo di emergenza sanitaria, e che nel nostro paese, diversamente da tanti altri, era completamente sconosciuta fino allo scorso febbraio.

In un mondo sempre più digitale e all’avanguardia, anche l’istruzione deve trarre beneficio da quello che lo sviluppo tecnologico le mette a disposizione. L’Italia rimane, tristemente, ben al di sotto della media europea per numero di laureati, e si teme un crollo importante delle immatricolazioni (già in calo nell’ultimo anno) a seguito della crisi economica che si sta generando: dati impietosi che inficiano negativamente anche sulla competitività complessiva del Paese.

Le soluzioni per migliorare le statistiche sono tante, e certamente dedicare ingenti quantità di risorse pubbliche nella scuola e nell’università è l’unica vera azione che ci possa far recuperare il terreno perduto. Per chi scrive, però, affiancare (nota bene: non sostituire), la didattica a distanza a quella tradizionale è imprescindibile e di buonsenso, nell’anno domini 2020, per agevolare studenti e statistiche nazionali. Implementandola, migliorandola, e rendendola accessibile a tutti: un percorso irrinunciabile, insieme alla digitalizzazione di tutto lo Stivale.

Pensiamo per esempio a uno studente lavoratore e/o genitore che non può permettersi in nessuna maniera di frequentare le lezioni: paga la stessa percentuale di tasse di uno studente frequentante e non può usufruire della parte più importante di un corso universitario (alcuni professori, non tutti, non sanno neanche cosa sia una piattaforma digitale di supporto didattico che già c’è in molti atenei): praticamente un autodidatta a pagamento. Ecco, in casi come questo e molti altri la didattica a distanza aiuterebbe sicuramente.

Le problematiche che affliggono questo tipo di insegnamento sono tante e variegate (banalmente: la rete wifi che non funziona), tuttavia trovo sciagurato rinunciarci in nome di questi ostacoli. Gli studenti e i professori hanno tutte le ragioni del mondo per chiedere di tornare in aula e ripartire con la normale dialettica universitaria, ma accantonare completamente e non rendere strutturale la didattica online, considerandola solamente una soluzione emergenziale, sarebbe un errore demenziale e madornale che pagheremmo a caro prezzo.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2020, c’è una canzone che vorrei dedicare a mia figlia e agli altri studenti

next
Articolo Successivo

“Rientro a scuola dal primo settembre per recuperare il debito formativo”: la proposta di un gruppo di deputati di maggioranza

next