“Nei prossimi giorni Michael Schumacher subirà un’operazione con cellule staminali per rigenerare il suo sistema nervoso“. È quanto scrive il quotidiano francese “Le Dauphiné” riportando diverse indiscrezioni secondo cui l’ex campione del mondo di Formula 1, che nel 2013 è entrato in coma a causa di un incidente sugli sci, sarebbe pronto a tornare nel centro medico dell’ospedale europeo Georges Pompidou di Parigi per sottoporsi a questo intervento innovativo. Secondo il quotidiano, le cellule verranno trasferite dal cuore o dal midollo osseo al cervello di Schumi, che verrà operato dal dottor Menasche, il pioniere della chirurgia delle cellule staminali, spiegando che già lo scorso settembre Schumacher era stato sottoposto alla sua prima terapia con cellule staminali a Parigi ma di questa nuova tecnica non si conoscono con esattezza i risultati ottenuti finora.

La notizia ha avuto un grosso risalto e in poche ore ha fatto il giro del mondo, tanto che l’entourage del pilota – la sua famiglia si è chiusa nel più stretto riserbo – è dovuto intervenire per precisare che al momento non ci sono conferme dell’intervento e che, in ogni caso, questo non si farà certo nel pieno della pandemia di coronavirus. In questi sette anni dall’incidente, Schumi è stato sottoposto a diverse cure e da tempo le indiscrezioni riportano che la sua famiglia ha deciso di affidarsi al professor Menasche, famoso per aver sviluppato una tecnica di innesto di cellule staminali al cuore che effettua una sostituzione delle cellule malate, ma non esistono tuttavia prove che la terapia possa avere effetto anche sulle cellule nervose e cerebrali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessio Boni interpreta George Floyd negli ultimi attimi di vita ma il video fa discutere: “Di cattivo gusto”

next
Articolo Successivo

Kobe Bryant, la moglie Vanessa si fa tatuare due frasi. Una del marito e una della figlia Gigi

next