Poco meno di un anno fa l’incidente nella laguna di Venezia:la nave da crociera “Costa Deliziosa” aveva sbandato, probabilmente per via del maltempo, rischiando di finire contro la riva. Oggi la Procura di Venezia ha chiesto l’archiviazione del fascicolo d’indagine: al comandante della nave era stato contestato contestato il reato di pericolo di naufragio colposo, ma – scrivono oggi i quotidiani locali – dalle consulenze della Procura è emerso che “avrebbe fatto tutto il possibile per evitare conseguenze disastrose”, per l’imbarcazione e per la riva.

I fatti risalgono al 7 luglio scorso, quando durante una bufera di grandine e vento, la nave da crociera aveva aveva ‘scarrocciato’ davanti a riva Sette Martiri, mentre stava uscendo dal Bacino di san Marco. La prua della nave aveva sfiorato uno yacht e altre imbarcazioni del servizio pubblico di trasporto: panico a bordo, ma incidente evitato. Nella relazione tecnica, gli esperti sottolineano anche che la sicurezza della navigazione in spazi ristretti come quelli del centro storico è in realtà un “tema di scelte politiche”: l’incidente non era in realtà un caso isolato, rinfocolando il dibattito su grandi navi, paesaggio e sicurezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catania, per il dissesto del comune la procura della Corte dei Conti chiede di interdire l’ex sindaco Bianco: “Sanzione da 1,2 milioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il giorno delle denunce in Procura a Bergamo: “Falle nella linea di comando. La battaglia parte da qui, ma è per tutti gli italiani”

next