Nella settimana dell’inizio della fase 3 dell’emergenza sanitaria, le intenzioni di voto fotografate nel sondaggio Ixè per Carta Bianca mostrano una sostanziale “stabilità dei rapporti di forza tra l’area di governo e l’opposizione del centrodestra”. Non si conferma il rimbalzo positivo della Lega, che era stato invece registrato la settimana precedente: il partito di Salvini si ferma al 25% con un calo dello 0,3, compensato dai lievi consolidamenti di Fratelli d’Italia (dal 14,3 al 14,4%) e Forza Italia (Dal 7,4 al 7,6%). Redistribuzione dei consensi anche nella compagine di governo, con il Pd (21,4%) che recupera lo 0,5 per cento e i renziani di Italia Viva (1,9%) in crescita dello 0,4. In flessione il M5s dal 17,5 dal 17,2% e la Sinistra dal 2,4 dal 2%.

Per quanto riguarda invece l’ipotesi di una lista Giuseppe Conte, in caso di elezioni anticipate, in questo momento raccoglierebbe il 12,1% dei consensi. Il sostegno arriverebbe in prevalenza dal M5s (3,7 per cento) e dal centrosinistra (2,5 dal Pd e o,9 da altre forze del centrosinistra), ma con una buona capacità di attrarre voti anche dal centrodestra (2 per cento) e dall’area dell’astensione (3%). Questo potenziale, osserva l’istituto Ixè, si accompagna a una piccola, ma ormai confermata da circa un mese, erosione del gradimento del governo (55%): si sconta il relativo aumento delle critiche sulla gestione della pandemia: il 61% giudica positivo l’operato del governo nell’emergenza, ma tale quota un mese fa raggiungeva il 71%.

Stessa tendenza anche per la fiducia di Conte che, rispetto a sette giorni fa, perde due punti (dal 59 al 57%). Per quanto riguarda i consensi nei leader, seguono: Giorgia Meloni (in calo di 1 punto, dal 34 al 33%) e Matteo Salvini stabile al 30. Perdono entrambi due punti Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti (dal 27 al 25%). In coda: cresce Silvio Berlusconi (dal 22 al 23), mentre è stabile in ultima posizione col 10 per cento dei consensi Matteo Renzi.

Infine, l’istituto Ixè ha provato a sondare gli intervistati sugli effetti pratici dell’emergenza coronavirus. Per quanto riguarda la app Immuni contro i contagi, il 52% delle persone interpellate dichiara di non avere alcuna intenzione di scaricarla. Mentre, osserva Ixè, “gli effetti sul turismo della pandemia sono tangibili: solo un terzo degli italiani, al momento, manifesta l’intenzione di andare in vacanza, mentre la metà ha già la certezza di non partire e il 17% non sa ancora cosa farà”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’intervento surreale del consigliere della Lega di Udine: ‘Si parla sempre e solo di poveri, e ai ricchi chi ci pensa? I poveri in coda per l’iPhone nuovo’

next
Articolo Successivo

Regeni, il question time con il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Segui la diretta

next