La pandemia di coronavirus ha portato con sé un’ondata di disinformazione, provocata in particolare da Russia e Cina. E l’Italia è stata “tra i Paesi che sono stati più colpiti dall’infodemia (eccesso di informazioni che rende complesso individuare fonti affidabili, ndr)“. La vicepresidente della Commissione europea, Vera Jourova, ha precisato che la disinformazione si alimenta di paure e ansie e si concentra sui Paesi più colpiti dal coronavirus e quindi sulle “società più vulnerabili”. Sul tema è intervenuto anche l’Alto rappresentante della Ue, Josep Borrell, che ha evidenziato come “la disinformazione non solo danneggia la credibilità delle nostre democrazie, ma danneggia anche i cittadini“.

Jourova specifica poi di avere “prove sufficienti” per dire che le principali fonti di disinformazione sono “Russia e Cina“, aggiungendo che “lotta alla disinformazione non significa censurare le informazioni sbagliate. Coloro che sono responsabili dell’argomento in questione devono avere un atteggiamento proattivo e difendere fatti veri, difendere le informazioni affidabili”. Jourova ha previsto che, in relazione alla pandemia, “anche sul vaccino ci sarà campagna di disinformazione”, cui anche “l’ambiente medico deve reagire”, “il settore privato dovrò mettere in gioco le proprie armi e usarle” e che durante la pandemia Google ha “bloccato e rimosso oltre 80 milioni di inserzioni pubblicitarie legate al Covid a livello globale”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, Bolsonaro: “Le misure per combattere il Covid-19 più dannose del virus stesso”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Scozia “regala” ai due resort di Trump detrazioni per un milione di sterline causa pandemia

next