Una richiesta di risarcimento danni per 20 miliardi di euro. È quanto vorrebbe chiedere alla Cina la Lega, in Regione Lombardia, per le conseguenze della diffusione del coronavirus. Al Pirellone è stata discussa la mozione proposta dal Carroccio, ritenuta quanto meno “singolare” dal gruppo del M5s, che ha evidenziato le carenze nella gestione dell’emergenza proprio da parte del presidente leghista, Attilio Fontana, e dell’assessore al Welfare, Giulio Gallera. “Me li immagino poi – ha detto il consigliere Gregorio Mammì, ricordando il caso di Dolce e Gabbana, travolti dalle polemiche dopo uno spot – che si scusano in un video con la Cina, nostro partner commerciale di primo piano. E la settimana successiva Crozza che li prende per il culo“. Le parole di Mammì hanno sollevato le proteste della maggioranza. Alla fine dell’intervento, il gruppo del M5s ha sollevato alcuni cartelli con scritto “Non è uno scherzo: la Lega attacca la Cina”, con lo sfondo del celebre gioco da tavolo RisiKo!.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, tutto il mondo è paese: tra sostegno ai ricchi, movida e centri estivi impossibili

next
Articolo Successivo

Armi all’Egitto, Palazzotto (commissione Regeni) a Sono le Venti (Nove): “Scelta del governo tradisce un po’ le promesse fatte alla famiglia”

next