Facebook prende le distanza dallo scontro tra Twitter e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, non i suoi dipendenti. Circa 600 lavoratori della piattaforma di Mark Zuckerberg hanno annunciato sul social dell’uccellino la loro partecipazione alla “sciopero virtuale”, #TakeAction, contro la politica tenuta da Facebook nei confronti dei contenuti pubblicati dal presidente americano. Nello specifico, fortemente criticata è stata la mancata segnalazione della piattaforma di un post di giovedì del presidente americano: dopo gli scontri e le violenze nate a Minneapolis a seguito della morte dell’afroamericano George Floyd per mano di 4 agenti di polizia durante un arresto, Trump aveva minacciato di inviare la Guardia Nazionale se le violenze non avessero avuto fine, aggiungendo: “In caso di saccheggi si inizia a sparare”.

Mentre Twitter, non intimorito dall’ordine esecutivo firmato da Trump per ridurre l’immunità dei social, aveva segnalato il post presidenziale per “incitazione alla violenza”, il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, aveva invece preso le distanze criticando la scelta dell’altro social di voler “essere arbitro della verità di tutto ciò che la gente dice online”. Una scelta a quanto pare impopolare all’interno dell’azienda di Facebook.

La società non ha commentato l’iniziativa di protesta, in compenso fonti interne dicono che l’amministratore delegato terrà presto un incontro con i dipendenti per affrontare la situazione. Se per Zuckerberg la piattaforma è “un’istituzione impegnata alla libertà di espressione”, per i lavoratori invece questo tipo di post, come quelli presidenziali, violano gli standard di Facebook: le politiche dell’azienda affermano infatti che verrà rimosso ogni contenuto “che incita o facilita la violenza grave”.

“Mark sbaglia e farò ogni tentativo per fargli cambiare idea”, ha twittato Ryan Freitas, responsabile del tema di design di News Feed di Facebook. “Lavoro a Facebook e non sono orgoglioso di come stiamo emergendo – ha aggiunto Jason Toff, arrivato nell’azienda come direttore del product management un anno fa – la maggior parte dei colleghi con cui ho parlato si sente nello stesso modo. Stiamo facendo sentire la nostra voce”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Fca, la battaglia di Intesa per le Generali che piace all’editore e debitore John Elkann

next
Articolo Successivo

Rai, Tar sospende maximulta dell’Agcom da 1,5 milioni di euro per mancato rispetto del pluralismo

next