Pressioni commerciali sui lavoratori” del Monte dei Paschi di Siena a Roma e provincia, con la richiesta di “collocare prodotti accessori ai clienti che si presentano agli sportelli per richiedere prestiti garantiti come previsto dal decreto liquidità“. A denunciarle sono i sindacati territoriali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin in un comunicato che sottolinea: “Di per sé questa pratica non sarebbe un male, qualora soddisfi i bisogni del cliente, ma poiché, invece di sviluppare le professionalità e le competenze del personale si tende a mortificarle, come si è soliti fare in questa area indifferenti anche alle necessità della clientela, ecco che viene generato l’ennesimo report per controllare che a tot erogazioni corrispondano tot prodotti collocati“.

Nella nota i sindacati spiegano anche che “la motivazione, candidamente comunicata ai colleghi, è che ‘siccome il finanziamento dà pochi margini, dobbiamo aumentare il cross selling‘”. Un comportamento, questo, “assolutamente deprecabile dal punto di vista etico e deontologico e si configura a nostro avviso – dicono le sigle di categoria – come una vera e propria forma di squallido sciacallaggio commerciale, essendo rivolta, nelle modalità di cui sopra, ad una categoria di clientela già fiaccata dalla crisi economica che la pandemia sta portando con sé”.

Inoltre, denunciano i sindacati, c’è “un’altra trovata che ha dell’incredibile: le consulenze commerciali supervisionate via skype. Nonostante i nostri colleghi abbiano dimostrato più volte responsabilità e capacità di reggere la Banca anche nei momenti più difficili, ora devono essere controllati durante i colloqui con i clienti”.

I sindacati si rivolgono infine “ai nuovi vertici aziendali appena nominati dal nostro azionista di riferimento, che ricordiamo essere lo Stato italiano: ritenete queste pratiche compatibili con l’attività di una Banca in questo momento storico, e a maggior ragione di una Banca a capitale pubblico? Fateli smettere, prima che sia troppo tardi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità pubblica, il Covid ci presenta il conto dei tagli effettuati. L’analisi della Corte dei Conti: “Così popolazione indifesa”

next
Articolo Successivo

Appalti, le proposte Anac: “Per favorire la ripresa digitalizzare le gare e procedure d’urgenza in settori come sanità e scuole”

next