La Williams, una della scuderie più vincenti della storia della Formula 1, è in vendita. Il marchio storico fondato da Frank Williams nel 1966 rischia di passare di mano: il gruppo ha dichiarato che sta esaminando una serie di opzioni nell’ambito di “una nuova direzione strategica“, tra cui la vendita di una quota di minoranza o di maggioranza e persino “una potenziale vendita dell’intera società”.

La Williams, secondo i dati economici ufficializzati dal gruppo, ha registrato una perdita di 13 milioni di sterline nel 2019, a fronte di un utile di 12,9 milioni di sterline realizzato nel 2018. La crisi dovuta al coronavirus ha fatto il resto, con il principale sponsor Rokit che ha annunciato l’addio con effetto immediato. “Anche se non sono state prese ancora delle decisioni, per agevolare le trattative con i soggetti interessati, la società comunica l’avvio di un processo formale di vendita“, si legge in una nota.

La Williams ha vinto nella sua storia 9 titoli mondiali costruttori (è seconda solo alla Ferrari in questa classifica) e altri 7 titoli piloti. Gli anni di gloria però sono lontani: nelle ultime due stagioni il team ha raccolto appena 8 punti, finendo sempre ultimo in classifica. Le prospettive, anche per i prossimi anni, non sono rosee.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, la Ferrari ingaggia Carlos Sainz: il pilota spagnolo prende il posto di Vettel e farà coppia con Charles Leclerc

next
Articolo Successivo

Formula 1, il governo austriaco dà il via libera ai due Gp d’Austria: “In pista il 5 e il 12 luglio”

next