Come sarà il futuro del calcio italiano e dei campionati? Ne ha parlato a Sono le Venti, il programma di Peter Gomez sul Nove, Cristiana Capotondi, nota attrice con la passione per il pallone e vicepresidente della Lega Pro. “Senza pubblico significa che le squadre non guadagnano perché non c’è sbigliettamento – ha detto in collegamento con lo studio – Certamente il protocollo sanitario che applicheranno Serie A e Serie B è molto difficoltoso per le squadre della Lega Pro, perché sono realtà con budget completamente diversi. Ma è nell’interesse del calcio professionistico andare avanti”

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, tutte le regole per tornare in campo: 300 persone nello stadio, no a strette di mano, panchine allungate e interviste via Skype

next