“Avevo bisogno di fare questo concerto per vendetta nei confronti della vita. Volevo dimostrare di avercela fatta un’altra volta”. A dirlo è Emma Marrone che in diretta su Instagram si è lasciata andare, tra le lacrime, ad uno sfogo molto personale in cui ha spiegato ai fan tutta la sua rabbia e delusione per il mancato concerto all’Arena di Verona. L’evento, organizzato per festeggiare i suoi 10 anni di carriera, è infatti tra i tanti live annullati a causa dell’emergenza coronavirus. La cantante salentina avrebbe voluto celebrare sul palco anche il suo 36esimo compleanno ma non è stato possibile e ha dovuto accontentarsi di una festa di compleanno virtuale con i followers.

Volevo farvi sentire che ero lì per voi. Volevo stare con i miei musicisti e la mia crew, avevo preparato delle sorprese pazzesche anche per ringraziarvi di averlo fatto diventare sold-out nel giro di 20 giorni”, ha detto la Marrone con gli occhi lucidi. “Sono cambiati i piani di tutti in questo momento. Tutti avevamo piani e progetti da realizzare ma purtroppo sono successe delle cose che hanno un po’ cambiato la vita a tutti – ha continuato -. Ho riflettuto molto su tante cose e spero di essere cambiata in meglio in questo periodo. Quando tornerò spero di essere più consapevole e meno spaventata“, ha concluso Emma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I Soliti Ignoti, Paolo Fox: “Il concorrente ha lo stesso segno di Magalli però lui è buono”. Amadeus tenta di smorzare i toni

next
Articolo Successivo

Milano, tensione tra i tassisti sotto la Regione Lombardia: spintoni e urla, interviene la polizia

next