Mentre in Italia bisognerà aspettare fino al 15 giugno prima di poter rialzare il sipario, in Germania i teatri iniziano a riaprire, seppur con molte limitazioni, come un severo distanziamento tra gli spettatori. Ma il soprano Anna Netrebko, diva assoluta dei palchi della lirica e protagonista dell’ultima prima scaligera, non ci sta e si lamenta sui social. Su Instagram ha postato una foto di una platea semivuota a Wiesbaden, in Germania, scrivendo: “…Ma sul serio? Sarà così che la nostra vita sarà fino a primavera? Io penso che chi ha fatto queste regole debba sparire“.

La polemica in realtà era scoppiata molto prima: la foto, scattata dal direttore musicale del teatro cantante tedesco e poi postata su Instagram dal cantante Michael Volle, mostra una platea con pochissimi spettatori seduti a diverse poltrone di distanza tra loro, con la mascherina sul viso. A Wiesbaden, in questo periodo, si sta tenendo una versione ridotta dell’Internationale Maifestspiele, trasformato (ma non annullato, eccezionalmente) dall’emergenza coronavirus. L’intento critico di Volle è emerso chiaramente da un’altra foto, scattata in aereo, dove si vedono le sedute completamente occupate. “Questo è il numero massimo di persone consentite a teatro…ma in aereo invece è perfettamente normale stare vicini! – scrive facendo un confronto – Una delle tante domande senza risposta di questi giorni”

Tra le tante reazioni è arrivata quella del soprano bulgaro Sonya Yoncheva, che ha chiamato in causa direttamente l’Oms e i vertici politici protestare: “La cultura è una necessità esistenziale, restituitela alle persone!”. Subito si è accodata anche la Netrebko, con il suo post di stupore e delusione.

I teatri sono state tra le prime strutture a chiudere e saranno tra le ultime a riaprire (in Italia bisogna ancora aspettare): si tratta di ambienti chiusi con poco ricambio d’aria dove le persone rimangono ferme per molte ore. Come una scuola, ma con più ancora più incognite: pur immaginando di garantire il distanziamento tra gli spettatori quando sono seduti, si rischiano di continuo code tra foyer, biglietteria, bagni. Per non parlare poi di chi ci lavora: dietro le quinte, dicono tutti gli operatori del settore, è pressoché impossibile restare a un metro gli uni dagli altri. Nei commenti sotto al post della Netrebko in molti pongono questa obiezione: “La prudenza è necessaria per salvare vite”, fanno notare alla scalpitante diva, invitandola a considerare tutti i risvolti sanitari di questa emergenza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Concerti di Paul McCartney annullati, i fan cantano “Yesterpay”: “Vogliamo il rimborso”

next
Articolo Successivo

Pierdavide Carone e la canzone sul cancro da cui è guarito: “Ho sempre diffidato di chi parla delle malattie, io lo faccio ora che è andata bene per dare una mano”

next