Silvia Romano è stata sequestrata per la seconda volta ma i rapitori non vogliono nessun riscatto. Hanno dichiarato, nello scarno comunicato diffuso alla stampa, che i motivi che li hanno spinti a compiere questo gesto è che questa ragazza è la loro peggior nemica. Hanno aspettato 18 lunghi mesi. Sono stati in silenzio. Hanno scritto e posato in un cassetto, senza svelarlo a nessuno, testi diffamatori che hanno dato alle stampe poco dopo che questa è scesa dall’aereo.

Li hanno diffusi sui giornali e sulle tv, senza che nessuno se ne accorgesse. Sono finiti nei bar, arrivando perfino nelle sedi del governo. Ce l’hanno con lei perché è giovane ed è donna, quindi è per forza, sempre, una poco di buono, che va in Kenya a cercare altro. Sono arrabbiati con lei perché è andata dal nemico, in Africa, ad aiutare vite umane. Ma queste vite umane sono dalla parte del nemico che questi neo-rapitori preferiscono veder annegare in mare piuttosto che aiutare.

Poi ci sono gli altri due peccati capitali. Si è convertita alla religione dell’avversario, non si sa se volontariamente, se le è stato imposto. Non si sa cosa pensasse, cosa facesse in quei 18 mesi di orrore al quale è stata costretta, a vent’anni, senza sapere che il vero orrore sarebbe cominciato tornando dalla sua tribù. Un gruppo nomade, abituato a insultare anche Liliana Segre, a minacciare di morte una ex deportata (già scampata alla soluzione finale).

Quindi non bisogna stupirsi della caratura morale dei neo-carcerieri di Silvia perché il loro dio è il soldo. Loro volevano i 4 milioni che abbiamo pagato per liberarla dalla prima prigionia. Volevano quei soldi come bottino perché sono dei banditi, abituati a rubare. E, proprio perché non li hanno avuti, l’hanno rapita, sapendo che ne spenderemo molti di più per darle la scorta tentando di liberarla.

Io so, conosco i nomi di questi rapitori. Ma non li farò. Non perché abbia paura. Ma perché meritano di essere dimenticati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ragazzini multati perché senza mascherina. Il parroco li difende Facebook: “Un gesto disumano, vergogna”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Messe aperte ai fedeli da lunedì 18 maggio: tutte le regole, dalle mascherine al limite degli ingressi

next